Salvato in 285 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
L' anomalia
19,00 € 20,00 €
LIBRO
Venditore: IBS
+190 punti Effe
-5% 20,00 € 19,00 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
19,00 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
20,00 € + 2,50 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Diraco Store
18,99 € + 4,90 € Spedizione
disponibile in 1 gg lavorativi disponibile in 1 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Nani
19,00 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Antica Libreria Goggia
20,00 € + 5,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
20,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
20,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
20,00 € + 5,90 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
LOMELLIBRO
20,00 € + 5,90 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
20,00 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Cartolibreria Sorelle Resta
20,00 € + 6,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Internazionale Romagnosi snc
20,00 € + 8,00 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
IL PAPIRO
10,00 € + 7,00 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
19,00 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
20,00 € + 2,50 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Diraco Store
18,99 € + 4,90 € Spedizione
disponibile in 1 gg lavorativi disponibile in 1 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Nani
19,00 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Antica Libreria Goggia
20,00 € + 5,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
20,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
20,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
20,00 € + 5,90 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
LOMELLIBRO
20,00 € + 5,90 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
20,00 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Cartolibreria Sorelle Resta
20,00 € + 6,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Internazionale Romagnosi snc
20,00 € + 8,00 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
IL PAPIRO
10,00 € + 7,00 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Chiudi
L' anomalia - Hervé Le Tellier - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

L' anomalia Hervé Le Tellier
€ 20,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione


Vincitore del Premio Goncourt 2020 - Nella cinquina del Premio Strega Europeo 2021

In un romanzo imprevedibile – dove la letteratura sfida la logica, la scienza, tutto quello in cui crediamo – Hervé Le Tellier racconta la verità e i suoi inganni, alla ricerca dell'anomalia nascosta che può sfiorare la vita di ognuno di noi.

«Costruito attorno a un'ipotesi tecnologica-filosofica sorprendente e spiazzane, L'anomalia gioca con le nostre certezze e le nostre paure, intreccia reale e virtuale, sentimenti e algoritmi, politica e religione, il tema del doppio e quello della manipolazione» - Fabio Gambaro, Robinson

«Un romanzo meraviglioso» - Joël Dicker

«Un erudito e appassionante romanzo di romanzi» - Stefano Montefiori, la Lettura

Nel marzo 2021, un Boeing 787 di Air France in volo da Parigi a New York incappa in una grande turbolenza prima di atterrare. Tre mesi dopo lo stesso aereo, con gli stessi passeggeri e un identico equipaggio, ricontatta i controllori di volo dell'aeroporto JFK. L'inspiegabile duplicazione preoccupa CIA, FBI e gli alti comandi dell'esercito, che dirottano l'aereo in una base militare. Le indagini degli Stati Uniti e delle altre potenze scatenano una caccia all'uomo planetaria per rintracciare i misteriosi doppi di tutte le persone a bordo. Ma durante quei tre mesi fatali, le vite di alcuni di loro sono cambiate per sempre: chi ha combattuto un male incurabile, chi ha raggiunto il successo soltanto dopo un gesto estremo, chi ha trovato l'amore e chi si è lasciato per sempre, chi ha finalmente affrontato le sue bugie. Tutti credevano di avere una vita segreta. Nessuno immaginava fino a che punto fosse vero.

Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2021
11 marzo 2021
368 p., Brossura
9788834605301

Valutazioni e recensioni

3,69/5
Recensioni: 4/5
(26)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(10)
4
(6)
3
(2)
2
(8)
1
(0)
Giada88
Recensioni: 2/5
Attenzione: non prendete fischi per fiaschi

Consiglio numero 1: se siete stati attirati dalle recensioni che lo definiscono un "thriller" lasciate perdere, tutto è tranne che un thriller. Consiglio numero 2: se non amate i libri eccessivamente filosofici, non leggetelo. Consiglio numero 3: se nonostante tutto volete comunque leggerlo, evitate come la peste la quarta di copertina (non so chi l'ha scritta ma andrebbe rinchiuso da qualche parte e gettata via la chiave: la prima regola di scrittura di una bandella è non spoilerare mai, questa rivela praticamente mezzo libro). Sono stata attirata da una recensione che (per fortuna) era anche una delle poche a non rivelare il colpo di scena che accade a metà circa: il volume parte con la descrizione di alcuni personaggi che hanno qualcosa in comune. Cosa lo si scopre solo circa a metà. L'idea di partenza è davvero ottima e potrebbe avere mille risvolti. Purtroppo, lo scrittore sceglie quello meno appetibile. Innanzitutto all'anomalia che sta al centro della vicenda non viene data alcuna spiegazione, di nessun tipo. Speravo in un risvolto alla fisica quantistica, un ponte di Einstein-Rosen, invece no: la soluzione è la più assurda, strampalata e allo stesso tempo scontata a cui si potesse pensare. Se non bastasse, tutta la seconda metà non è altro che un trattato di metafisica, un continuo farsi domande alla sliding doors che non ha né capo né coda. Detto questo, certo è scritto molto bene, a tratti fa davvero riflettere (un po' come le serie dei produttori di Black Mirror). Tuttavia, si scade troppo nel ragionamento a discapito della trama. La conclusione poi è veramente drammatica.

Leggi di più Leggi di meno
And the Oscar goes to ….
Recensioni: 2/5

Idea buona, mal sfruttata

Leggi di più Leggi di meno
Marghe Otto
Recensioni: 4/5

storia coinvolgente raccontata da diverse angolature. Ha un ritmo calzante e ci starebbe pure bene un film. Per fortuna non ho letto prima la sovracoperta se no mi sarei rovinata il colpo di scena. Quindi io di consiglio di leggerlo ma di non leggere nulla sulla copertina.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3,69/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(10)
4
(6)
3
(2)
2
(8)
1
(0)

Voce della critica

Proponendomi la massima diligenza nel non rivelare il benché minimo dettaglio di una trama che il lettore merita di scoprire tutta da sé, la strategia più proficua per approcciarmi a L’Anomalia (368 pagine, 20 euro) con cui Hervé Le Tellier si è aggiudicato il premio Gouncourt 2020, tradotto da Anna D’Elia e pubblicato in Italia da la Nave di Teseo, è procedere per inquadramento in categorie generali. Le prime che mi vengono in mente sono: page turner e hard boiled. Con buona pace di chi sarà infastidito dal tripudio di anglicismi e più ancora dall’uso di etichette, sono convinta che l’escamotage regga e le due definizioni siano le più appropriate per dare, a chi vorrà accogliere questo suggerimento di lettura, una idea fulminea del tipo di romanzo in cui sta andando a cacciarsi.

L’anomalia è infatti un libro che, una volta aperto, si fa fatica a lasciare – page turner, appunto – così, in men che non si dica, rinunciando magari ad una notte di sonno, lo si è bello che finito. Il merito va, indubbiamente, all’attacco, degno di un grande mistery, e se è lo stesso autore a citare Mickey Spillane in corso d’opera, beh! allora anche io posso parlare di hard boiled, genere alla cui creazione Spillane contribuì.

Quando l’ho iniziato ero reduce dalla lettura di due precedenti romanzi con personalità – se così si può dire – molto forti: Il Silenzio, l’ultimo di Don DeLillo e Catch 22 di Joseph Heller. Sarà che mi riverberavano entrambi ancora in testa, ma nel momento in cui Le Tellier mi ha messo alle calcagna di Blake, il primo protagonista ad essere introdotto nella narrazione, inizialmente infiltrandomi nella sua mente, poi sedendomi al suo fianco in aereo, durante «un vuoto d’aria che non finiva più», mi sono goduta ancora un po’ la scia e del racconto di DeLillo (anche qui la trama si annoda sull’avventura capitata durante un volo di linea) e dell’atmosfera leggera – quasi nonsense – di Comma 22.

Non si può leggere L’anomalia prescindendo da alcuni elementi del profilo del suo autore che contribuiscono ad inquadrare le soluzioni tecnico-stilistiche praticate nel romanzo. Hervè Le Tellier, scrittore, poeta e linguista, è membro dell’OuLiPo, “officina di letteratura potenziale” fondata da Queneau e Le Lionnais, di cui fu membro anche Italo Calvino, gruppo che si propone di ricercare, attraverso la scrittura vincolata, nuove strutture e schemi che possano essere usati dagli autori nella maniera che preferiscono. Un dettaglio che restituisce a Le Tellier – qualcuno potrebbe considerare «poco letterario» il primo capitolo – i giusti meriti: egli «può dare – infatti – l’impressione di improvvisare, ma in realtà pratica la riflessione. I suoi libri sono sempre ben costruiti, scorrevoli e insieme molto ben scritti, mai davvero uguali». Dal virgolettato si evince che l’ultimo periodo non sia farina del mio sacco. È da tempo che pratico, nei romanzi che leggo, una particolarissima forma di caccia al tesoro. In mancanza di definizioni, ho chiamato l’oggetto della mia ricerca “recensione olografa”: si tratta di autovalutazioni di cui gli autori, più o meno inconsciamente, disseminano i loro scritti. Quello riportato ne è un chiaro esempio. Le parole messe in bocca ad uno dei personaggi de L’anomalia, pur riferendosi ad un romanzo dallo stesso titolo, centrale nell’economia del libro – probabilmente deputato ad ampliare il dominante gioco delle duplicazioni su cui si basa la trama – costituiscono una valutazione perfettamente calzante alle abilità di Le Tellier. Così come il successivo parere, formulato dallo stesso soggetto, che precisa ancor meglio le caratteristiche del testo: «È uno strano libro dal ritmo incalzante, da cui non si riesce a straccarsi, e poi riconosce in filigrana tutto quanto ha influenzato (l’autore), da Jankélévitch a Camus, a Goncarov e a tanti altri. Un testo cupo, privo di distacco, in cui persino l’irrisione si fa dolente».

Me la sto cavando egregiamente – lo dico senza falsa modestia – con gli spoiler. Continuo allora – tacendo quanto più mi è possibile, convinta che al lettore necessiti la dirompenza dell’effetto a sorpresa per trarre le proprie conclusioni – ad utilizzare solo gli easter eggs-recensioni olografe raccolti tra le pagine. Le Tellier «se ne infischia che una prosa fiammeggiante emerga dal puro “librarsi della penna sulla pagina”, e non crede di essere “onnipotente dinanzi alla frase”». Egli «osserva tutte quelle esistenze sperse, tutte quelle ansie semoventi senza sapere a quale affezionarsi. Si abbandona alla fascinazione per delle vite che non sono la sua. Vorrebbe sceglierne una, trovare le parole giuste per raccontare quella specifica creatura (…) E poi passare ad un’altra. E poi un’altra ancora. Tre personaggi, sette, venti? Quanti racconti simultanei accetterebbe di seguire il lettore?». Il lettore non è una creatura docile. Si fa ammaliare e ammansire solo dalla qualità di ciò che gli viene proposto. Beh! In questo caso Le Tellier può permettersi non solo di moltiplicare i personaggi, ma escogitare un’anomalia che, distorcendo la realtà, li duplichi perfino, senza perdere sostenitori.

Una concessione, un’unica anticipazione di un dettaglio della trama, a questo punto me la accordo anche io. C’è un capitolo in cui chi legge è a tal punto assoggettato al racconto da essere obbligato al cospetto del suo doppio. Non ad immaginarsi dinanzi ad un altro sé astratto. Non a pensarsi difronte ad uno specchio mentre interagisce con la sua immagine speculare. È posto proprio, attraverso un’inevitabile attività di proiezione, davanti ad un duplicato di sé. Ed è un momento del romanzo potentissimo e pauroso insieme, che da solo vale – come si dice – il prezzo del biglietto.

Una storia mozzafiato, quella di Le Tellier, con un finale sorprendente. Si vocifera che possa diventare una serie. Fossi in voi lo leggerei prima che la trasposizione televisiva tarpi le ali alla vostra fantasia.

Recensione di Antonietta Molvetti

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore