Categorie

Giuseppe Pellizzari

Collana: Nuova didattica
Anno edizione: 2002
Tipo: Libro universitario
Pagine: 240 p.

46 ° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Medicina - Altre branche della medicina - Psicologia clinica - Psicoterapia

  • EAN: 9788833956886

Questo libro è uno strumento di lavoro per la formazione di psicoanalisti e psicoterapeuti, in particolare quelli che operano nei servizi pubblici, ma non è un manuale né un trattato. è piuttosto – dice l'autore – un tentativo di presentare a chi si accinge a praticare la psicoterapia una disposizione, un atteggiamento emotivo, un modo di mettersi in relazione che sono caratteristici di questo «mestiere». L'orientamento dell'autore è in accordo con una concezione della psicoanalisi non come una religione che deve difendere la purezza delle sue procedure e dei suoi dogmi, ma come un metodo la cui fecondità è ancora da esplorare. Per molto tempo appannaggio di privilegiati, «scienza borghese» (vedi per esempio il ritratto che ne fa Woody Allen), la psicoanalisi si è più recentemente avventurata a occuparsi di soggetti meno nobili: delinquenti, matti, bambini e ragazzi difficili, che molto spesso si trovano nelle istituzioni: asili, orfanotrofi, ospedali psichiatrici, carceri, riformatori. Secondo l'autore, oggi la psicoanalisi può trovare nuova vitalità, più che nelle ansie di validazione e nel confronto con le altre scienze, nel recupero dell'artigianato terapeutico, imposto dalle necessità sociali del territorio sotto la spinta dei grandi cambiamenti nella cultura e nelle abitudini delle persone.