Approccio clinico-terapeutico alla patologia degenerativa lobo-sacral e

Alessandro B. Nannavecchia

Anno edizione: 2008
Tipo: Libro universitario
Pagine: 80 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788890363801
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibile in 3 settimane

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Vito Loseto

    25/08/2009 08:35:28

    Titolo dell'Opera “Approccio clinico-terapeutico alla patologia degenerativa del rachide lombo-sacrale”. Il “mal di schiena” è la terza causa di accesso al Servizio di Medicina Generale, dopo l’ipertensione arteriosa e la medicina preventiva. Quasi l’80% della popolazione è destinato, ad un certo punto della propria vita, a presentare una lombalgia. Altresì, il 50% delle persone che sviluppano tali sintomi, sono in età adulta lavorativa (tra i 30 e i 50 anni) e, di questi, il 15-20% ricorre a cure mediche. Il 95% di questi pazienti ha una causa meccanica come fonte del dolore. Questa eziologia prevalente è l'espressione di una popolazione ove il miglioramento della qualità della vita, tendenzialmente, non è risultato proporzionale ad un miglioramento degli stili di vita. E' una sintomatologia solitamente riconducibile alla degenerazione di importanti strutture anatomiche del rachide lombo-sacrale come muscoli, legamenti, dischi intervertebrali e faccette articolari. Se si pensa, poi, che l'ernia del disco è una delle cause meccaniche (cioè non traumatiche) del mal di schiena su base organica, più incidenti nella popolazione generale e solo il 10% di esse sono destinate al trattamento chirurgico, si capisce quanti benefici possano sortire un corretto stile di vita motoria ed una maggiore attenzione da rivolgere ai trattamenti non cruenti. Una considerazione quest'ultima che è figlia della lezione di Ippocrate e della sua celebre frase ”Vis medicatrix naturae” (“Il medico deve sostenere l'azione riparatrice della natura”). Le cifre e le riflessioni illustrate dimostrano come, col progressivo dilagare di tale condizione morbosa, diventino indispensabili un'informazione sanitaria sempre più puntuale e, come diceva lo stimato ortopedico A.L. Nachemson, la necessità ”... di affilare le nostre menti più che le lame dei nostri bisturi...”. Il manuale “ ideato e realizzato dal dott. Beniamino Alessandro Nannavecchia, nasce proprio con queste premesse.

Scrivi una recensione