Arcana rubris. Il quadro maledetto di Jan Van Ejck

Ugo Nasi

Anno edizione: 2018
In commercio dal: 11 aprile 2018
Pagine: 404 p., Brossura
  • EAN: 9788892343696
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 19,98

€ 23,50

Risparmi € 3,52 (15%)

Venduto e spedito da IBS

20 punti Premium

Disponibile in 3 settimane

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Nadia Bertolani

    10/05/2018 07:59:06

    Se l'aspetto più appariscente dell'alchimia è quello di trasformare i metalli in oro, si può dire allora, con una certa sicurezza, che anche scrivere è, in fondo, un processo alchemico. È questo che succede in Arcana Rubris, ricco di azioni rocambolesche, di agguati, di complotti. Un romanzo avventuroso, questo, non c'è dubbio; ma anche romanzo documentato con esattezza e abbondanza di riferimenti storici e tecnici, raccontato con un ritmo narrativo che non conosce soste, prezioso nella larghezza di registri linguistici e infine commovente nella descrizione di sentimenti come l'amore che matura piano piano, e come l'amicizia che da allegra complicità nelle giornate spensierate si tramuta in un legame maturo quando la vita precipita nel dramma. La vicenda oscura di cui sono protagonisti e indagatori Viola, avvocato, e Valerio, ispettore di polizia, ha origini in un tempo lontanissimo, nell'anno 1077 quando Ramirdo di Cambrai e Tomasa Girolami, appena tredicenne, vengono accusati di eresia e condannati al rogo. La maledizione che Ramirdo lancia contro il suo persecutore travalica i secoli e connette in un intreccio fittissimo i coniugi Arnolfini, protagonisti del celebre dipinto dell'altrettanto celebre van Eyck, - e siamo nel Quattrocento -, due giovani studenti della Normale di Pisa, geniali risolutori di un enigma matematico, - e siamo nel 1958 -, una bella restauratrice francese, Yvonne Bergheman, un numero incredibile di feroci assassini, gli Archivi Vaticani, il losco mondo sotterraneo del gioco d'azzardo e il Cartello della droga in Colombia. Mondi lontani, dunque, nel tempo e nello spazio, ma anche piccole distanze cronologiche e geografiche: in un non ben precisato "oggi", da marzo a settembre, e nel territorio tra Volterra, Lucca e Certaldo, la Rocca della Verruca diventa teatro di straordinari e misteriosi ritrovamenti e un piccolo quadro che tutti cercheranno di ritrovare si rivela come il filo rosso che unisce tutti gli avvenimenti.

Scrivi una recensione