L' arcidiavolo

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Salvato in 17 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 8,50 €)

Durante il Rinascimento italiano si apre un periodo di pace tra la famiglia Medici ed il Papato. La pace però è minata dal demonio che manda sulla terra Belfagor l'arcidiavolo ed il suo assistente per riaprire, astutamente, il conflitto.
4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    p9

    22/03/2007 10:53:38

    Il meglio del film sta nel capovolgimento della morale rispetto alla novella. In Machiavelli, Belfagor preferisce tornare all'inferno piuttosto che (ri)prendere moglie; secondo Scola, Belfagor preferisce prendere moglie piuttosto che tornare all'inferno. (E' una strizzata d'occhio allo spettatore provveduto: quanti la avranno afferrata?) Impagabili gli interventi delle macchine di Leonardo. Gassman e Ferzetti, grandi come sempre. E Mickey Rooney?!

  • Produzione: Cecchi Gori Home Video, 2006
  • Distribuzione: Mustang
  • Durata: 103 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 1.0 - mono)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: 1,33:1
  • Area2
  • Contenuti: biografie: biografia del regista e degli attori principali
  • Ettore Scola Cover

    Ettore Scola è stato un regista cinematografico e sceneggiatore. Studia Giurisprudenza a Roma dove inizia a lavorare come giornalista presso la rivista umoristica «MArc'Aurelio». Le sue prime sceneggiature risalgono alla metà degli anni Cinquanta, quando inizia a collaborare con Age Scarpelli ai film Un americano a Roma (1954), La grande Guerra (1959) e Crimen (1960). Il suo esordio come regista avviene con Se permette parliamo di donne, nel 1964.È in questi anni che assumerà il ruolo di icona del cinema italiano, dirigendo capolavori come C'eravamo tanto amati (1974, con Vittorio Gassman, Nino Manfredi, Stefano Satta Flores e Stefania Sandrelli, film che lo consacrerà alla fama internazionale), Brutti, sporchi e cattivi (1976),... Approfondisci
  • Vittorio Gassman Cover

    "Attore e regista italiano. Nell'infanzia trascorsa tra Genova, Palmi e poi (definitivamente) a Roma, al seguito del padre ingegnere edile tedesco, già preannuncia un temperamento artistico esuberante e mercuriale. Allievo dell'Accademia d'arte drammatica, si impone come uno dei più dotati attori della propria generazione, in grado di affrontare sia i ruoli del repertorio classico (Amleto, Otello, Adelchi, Oreste) sia quelli del teatro moderno (Un tram che si chiama desiderio), lavorando con le compagnie più prestigiose e sotto i registi più importanti (in particolare L. Squarzina e L. Visconti). Nel 1954-55 fonda una propria compagnia, conservando sempre il gusto per la provocazione (da Kean, genio e sregolatezza, 1955, di Dumas padre, a Affabulazione, 1977, di Pasolini, fino a Ulisse e la... Approfondisci
  • Claudine Auger Cover

    Attrice francese. Eletta miss Francia nel 1958, studia danza e musica, recita Molière a teatro e lavora al cinema con J. Cocteau, ma per la vera notorietà deve aspettare di svestire i panni della Bond-girl di turno in Agente 007, Thunderball - Operazione tuono (1965) di T. Young. Nonostante il lancio sul mercato internazionale e diversi film di discreto spessore (fra i quali il thriller di M. Bava Reazione a catena, 1971, e due noir dello specialista J. Deray, Flic Story, 1975, al fianco di A. Delon, e Morti sospette, 1978, assieme a L. Ventura), non riuscirà però mai ad assurgere al ruolo di vera star. Approfondisci
  • Mickey Rooney Cover

    Nome d'arte di Joe Jules jr., attore statunitense. Figlio d'arte, debutta giovanissimo sul grande schermo, imponendosi ben presto come uno dei più popolari bambini prodigio. Dopo gli esordi nei cortometraggi comici – famosi i piccoli chiacchieroni Andy Hardy e Mickey McGuire – partecipa a pellicole di vario genere interpretando sempre lo stesso personaggio di giovane sbruffone ma simpatico che lo imprigiona in un cliché da cui difficilmente riesce a liberarsi. È il folletto Puck nello shakespeariano Sogno di una notte di mezza estate (1935) di M. Reinhardt e W. Dieterle, il sindaco che abiura il suo passato di teppista nel biografico La città dei ragazzi (1938) di N. Taurog, studente appassionato di swing nell'effervescente Musica indiavolata (1940) di B. Berkeley accanto a J. Garland, figlio... Approfondisci
Note legali