L' area di rispetto nelle colonie magno-greche e siceliote. Studio di antropologia della forma urbana

Anna Muggia

Collana: Nuovo prisma
Anno edizione: 1997
In commercio dal: 30 ottobre 1997
Pagine: 220 p.
  • EAN: 9788838913259
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 13,17

€ 15,49

Risparmi € 2,32 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

«Finché ogni forma non avrà trovato la sua città, nuove città continueranno a nascere. Dove le forme esauriscono le loro variazioni e si disfano, comincia la fine della città». (I. Calvino, Le città invisibili). Nell'urbanistica greca è frequente il caso di città nelle quali le mura racchiudono vaste aree periferiche non urbanizzate: sono le cosiddette «aree di rispetto». L'equilibrio demografico, l'oscillazione fra spopolamento ed eccesso di popolazione rappresentano un problema cruciale per tutte le comunità antiche, e anche nel mondo greco non manca la consapevolezza del fatto che l'eccedenza demografica potesse dare origine a una catena di fenomeni altamente destabilizzanti. Le «aree di rispetto» possono essere assunte come indicatore dell'esistenza di sistemi di controllo nella gestione del territorio e - in particolare - di controllo della popolazione? All'interno di un campione selezionato di poleis coloniali, l'analisi procede attraverso proposte di ricostruzione del quadro demografico urbano e territoriale, l'identificazione di modelli di organizzazione spaziale, il confronto fra ideologia dello spazio e prassi urbanistica, la verifica di corrispondenze fra forma urbana, assetto demografico e modalità dell'insediamento.