Arie e duetti - CD Audio di Maria Callas,Giacomo Puccini

Arie e duetti

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Giacomo Puccini
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: EMI Classics
Data di pubblicazione: 26 marzo 2004
  • EAN: 0724356279421
Disco 1
1
Manon Lescaut (1997 Digital Remaster): In quelle trine morbide
2
Manon Lescaut (1997 Digital Remaster): Sola, perduta, abbandonata
3
Madama Butterfly Lib. Giacosa and Illica (1997 Digital Remaster): Un bel dì vedremo
4
Madama Butterfly Lib. Giacosa and Illica (1997 Digital Remaster): Con onor muore
5
La Bohème (1997 Digital Remaster): Sì. Mi chiamano Mimì
6
La Bohème (1997 Digital Remaster): Donde lieta uscì (Mimì's Farewell)
7
Suor Angelica, 'Sister Angelica' (1997 Digital Remaster): Senza mamma, O bimbo
8
Gianni Schicchi (1997 Digital Remaster): O mio babbino caro
9
Turandot (1997 Digital Remaster): Signore, ascolta!
10
Turandot (1997 Digital Remaster): In questa Reggia
11
Turandot (1997 Digital Remaster): Tu, che di gel sei cinta
12
Ehi! Rodolfo!...O soave fanciulla (Schaunard/Colline/Marcello/Rodolfo/Mimì) (1997 Digital Remaster)
13
Tosca (2001 Digital Remaster): Non la sospiri, la nostra casetta (Act I)
14
Tosca (2002 Digital Remaster), ACT TWO: Vissi d'arte (Tosca)
15
Madama Butterfly (1997 Digital Remaster), ATTO PRIMO: Vogliatemi bene, un bene piccolino
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Giuseppe Silipo

    27/09/2006 17:16:31

    Puccini - Callas, un binomio assolutamente vincente. Per cantare bene Puccini occorre una sensibilità artistico-musicale particolare che la Callas ha dimostrato in tutta la sua carriera di avere.

  • Maria Callas Cover

    Nome d'arte di Maria Kalogeropoulos. Soprano statunitense di origine greca. Debuttò con Cavalleria rusticana all'Opera di Atene, dove cantò dal 1938 al '45. Nel 1947 intraprese la carriera italiana e dopo pochi anni diventò celeberrima. Voce di timbro discutibile, con zone opache o gutturali o aspre, ma singolarissima per la varietà dei colori, la forza di penetrazione, l'estensione (dal la sotto il rigo al fa sopracuto), la duttilità e l'agilità, rivoluzionò la vocalità femminile, ripristinando – dopo le deformazioni provocate dal dramma musicale e dal verismo – la tecnica di fonazione ottocentesca e, con essa, il tipo di soprano specializzato sia nel canto di forza sia in quello acrobatico. Interprete e attrice tragica di grande talento, diede inizio alla «belcanto-renaissance» emergendo... Approfondisci
  • Giacomo Puccini Cover

    Compositore. Gli esordi. Ultimo di una dinastia di musicisti attiva da cinque generazioni, rimase orfano a sei anni per la morte del padre Michele, già organista e maestro del coro del duomo, nonché direttore dell'Istituto musicale di Lucca. Nonostante le difficoltà finanziarie, la madre Albina Magi poté fargli seguire studi regolari al Ginnasio e all'Istituto musicale, studi che tuttavia il ragazzo affrontò senza troppo entusiasmo. Il suo primo maestro, lo zio Fortunato Magi, succeduto nelle cariche del cognato, lo affidò quindi a Carlo Angeloni (già insegnante di Alfredo Catalani), col quale Giacomo studiò con notevole profitto e scoprì la propria vocazione per il teatro. Nel 1876 si recò a piedi a Pisa per assistere per la prima volta nella sua vita alla rappresentazione di un'opera, l'Aida... Approfondisci
Note legali