Editore: Mondadori
Anno edizione: 2011
Formato: Tascabile
Pagine: 431 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788804667179
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 6,75

€ 10,62

€ 12,50

Risparmi € 1,88 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Giovanni

    18/10/2016 17:21:18

    Libro molto bello. Niente di particolarmente epico, però la descrizione dei luoghi, le avventure e le disavventure dell'armata ti fanno appassionare alla lettura. Il punto di vista, poi, il racconto di una donna amante di Xeno, che altri non è che Senofonte, è molto originale. A me è piaciuto.

  • User Icon

    Massimo

    29/07/2013 14:19:54

    Dopo decine di romanzi storici sono ritornato a uno degli autori che anni fa mi hanno fatto appassionare al genere e devo dire che la lettura de L'armata perduta mi ha ripagato della scelta. Gli avvenimenti narrati da Manfredi sono tra i più interessanti e discussi della storia antica. I luoghi che l'armata durante il suo interminabile viaggio raggiunge sono descritti con la vividezza e la precisione di chi a sua volta ha compiuto, almeno in gran parte, lo stesso percorso per motivi di studio. Si passa dal deserto alle montagne fino al mare, dal caldo al freddo, tutti gli elementi atmosferici sono rappesentati e quasi personalizzati, la descrizione di luoghi e situazioni oltre che precisa è quasi poetica, riesce a far immaginare nitidamente ciò a cui si riferisce, trasferendo al lettore le conseguenti sensazioni ed emozioni. Le battaglie, ognuna diversa dalle altre e tutte accomunate dalla violenza e dalla ferocia che le contraddistinguono, sono vissute quasi in prima persona assieme ai mitici ed invincibili mantelli rossi e ai loro compagni, contro le più disparate popolazioni. Tanti i personaggi rappresentati: eroi, traditori, spietati, generosi, carismatici, tra tanti altri Xeno, Sophos, Mennon, ma quello che probabilmente suscita più empatia è un personaggio femminile, Abira, che narra in prima persona le vicende rievocandole, e che da un piccolo e sperduto villaggio, nel quale presumibimente avrebbe trascorso monotamente la sua intera esistenza, si ritrova per le sue vicende personali assieme all'armata a vivere in un anno le esperienze di cento vite. Il fatto che spesso sia una ragazza giovane e inesperta come Abira, ad accorgersi e prevedere situazioni di pericolo e di tradimento in un esercito composto da veterani professionisti è un pò inverosimile, ma questo è un piccolo neo rispetto alla bellissima storia che Manfredi ci ha fatto vivere, con un degno finale che, anche se non del tutto imprevedibile, sorprende e appaga forse perchè ormai inaspettato.

  • User Icon

    Riccardo Banchi

    28/08/2012 13:51:04

    Valerio Massimo Manfredi è un maestro della narrativa di storia classica. Avventure e battaglie sono in questo libro all'ordine del giorno. Il finale da alla storia una spinta verso l'alto. Come voto darei 4,5 ma non si può. Riccardo Banchi

  • User Icon

    Andrea

    11/06/2012 16:22:53

    Lo sto leggendo in questi giorni è stupendo si leggge facilmente e velocemente. E' sempre molto scorrevole e sembra di rivivere gli avvenimenti che racconta. Da leggere

  • User Icon

    laura

    01/03/2011 10:02:51

    Davvero bellissimo...... uno dei libri storici più belli che abbia letto. Molto avvincente fino alla fine! Ogni tanto un po' ripetitivo negli avvenimenti, ma penso che sia per rendere più veritiera la storia e le vicende dell'armata.

  • User Icon

    fabrizio

    25/11/2009 14:26:27

    Bellissimo romanzo storico! Sembra davvero di marciare insime ai "mantelli rossi" ...

  • User Icon

    Gino Romano

    13/09/2009 18:00:40

    Bellissimo !!! Ma perchè l'Autore (VMM è lui, o no?) a pagina 12 precisa che "uno stadio è circa settanta metri" ? Uno stadio è almeno 177 metri (sistema attico) o 185 metri (sistema alessandrino)..... per la precisione.

  • User Icon

    Rovaci

    30/07/2009 15:22:32

    Semplicemente FAVOLOSO! Manfredi non si batte, è come Valentino Rossi, dà parecchie piste agli inseguitori. UNICO (libro ed autore)

  • User Icon

    Ganzy

    18/06/2009 19:33:21

    Mi hanno molto stupito alcuni commenti particolarmente cattivi su questo romanzo. Io lo ho trovato molto interessante, mi piace la ricostruzione storica e mi piacciono le riflessioni dei personaggi. Mi erano piaciuti ancora di più i romanzi di Alessandro e lo Scudo di Talos, ma comunque anche l'Armata perduta è un romanzo interessante, lo consiglio a tutti!

  • User Icon

    nihil

    29/04/2009 18:41:42

    Manfredi sta diventando ripetitivo nell'immaginare le sue trame, inoltre si confonde per quanto riguarda l'itinerario descritto. Praticamente la protagonista descrive l'inizio del viaggio della famosa armata, ma non era presente: la sua comparse (secondo la cartina) avviene a metà del percorso!

  • User Icon

    Simis

    17/04/2009 15:35:13

    Bel libro, indubbiamente. Rispetto alle uniche altre opere di Manfredi che ho letto ("L'impero dei draghi" e "L'ultima legione") perde qualcosa in intreccio non-storico ma guadagna in accuratezza della narrazione e precisione descrittiva. Pur essendo a tratti monotona e statica la narrazione risulta comunque sempre piacevole, segno di uno stile che riesce a bilanciare correttamente descrizione e caratterizzazione dei personaggi. Consigliato agli appassionati di storia ed ai fans di Manfredi, soprattutto.

  • User Icon

    claudio 72

    16/04/2009 23:55:58

    straordinario, avvincente, commovente,. un grande libro e come sempre un grande manfredi.

  • User Icon

    Paolo

    12/04/2009 09:13:25

    Dopo il deludente "L'impero dei Draghi" Manfredi riesce a scrivere un gran bel libro anche se non riesce a tornare ai livelli di "Lo scudo di Talos" e soprattutto de "Il Tiranno". Il libro è avvincente e ben fatto, mi discosterò solo da alcuni giudizi letti dicendo che l'inizio mi ha lasciato a dir poco perplesso, ma potrebbe spiegarsi anche col fatto che l'autore ha voluto allungare un libro altrimenti breve e magari per differire un pò dall'Anabasi di Senofonte (questo lo deduco da alcuni commenti precedenti perchè io purtroppo non l'ho letto)

  • User Icon

    simo

    10/03/2009 20:41:41

    Uno dei libri più belli di Manfredi!finalmente una donna protagonista di un romanzo storico.Avvincente e scorrevole.

  • User Icon

    Floriana

    20/01/2009 00:34:37

    bel libro, lettura piacevole e intrigante. Particolare la narrazione attraverso il punto di vista femminile della protagonista! Bella rilettura dell'Anabasi di Senofonte,

  • User Icon

    Matteo

    13/12/2008 19:21:28

    ...Ho letto quasi tutti i libri di Manfredi. dicendo la verità questo non mi ha colpito molto, però mi è piaciuto. La storia non è ricca di colpi di scena ma è intrigante.

  • User Icon

    art.

    27/11/2008 17:33:16

    Libro che può vantare tre caratteristiche principali: monotonia, piattezza e ripetitività sconfinante nella noia.

Vedi tutte le 17 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione