€ 7,99

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Totti Morandi

    19/02/2014 09:01:23

    Sembra concepito dopo un party a base di cozze crude e detersivo all'oppio, in realtà si tratta di un assurdo esperimento cinematografico che si avvicina al cinema "parodistico surreale nonsense" con dialoghi deliranti di rara demenza ("Cavallo Pazzo, stordito da una siringa di segatura, ammirava Luna Caprese mentre si massaggiava gli attributi fumanti con della lana di vetro"). Forse vale la pena di vederlo solo per la Cansino nuda ma all'epoca superò d'incassi J.L.Godàrd e Schwarzenegger.

  • User Icon

    David

    03/10/2006 02:49:52

    Bisogna stabilire prima in base a quale criterio si vuol giudicare il film. Che sia uno schifo totale, risulta lapalissiano a chiunque, anche ai fan "squaloromani" più accaniti; il punto però è che la cosa è voluta dallo stesso regista. Gli anni '70 ed in particolar modo gli anni '80 del cinema italiano ci hanno regalato il non plus ultra del trash, e se si parla di trash non si puo' non parlare di Arrapaho che è Trash con la T maiuscola. L'intento di Ippolito era proprio quello di raggiungere un primato, di toccare il fondo, di fare il trash del trash, (la schifezza della schifezza in pratica) e direi che ci è riuscito alla grande. Trarre un film da un album degli Squallor già la dice lunga, se poi gli Squallor li fai anche recitare e li usi come colonna sonora...beh, è ovvio che nelle tra le tue intenzioni non c'è quella di aggiudicarti il premio oscar o gli apprezzamenti della critica. Come ha ammesso più volte lo stesso Ippolito nel film non c'era copione, si improvvisava volta per volta con gli attori (proprio come funzionavano gli "scatck" degli Squallor), inoltre il regista nel fare i provini sceglieva gli attori che sapevano recitare peggio; se poi vogliamo dare un'occhiata al budget ci rendiamo subito conto (specie dai costumi e dalle scenografie di polistirolo) che non avrà superato le 100.000 lire. Per gli amanti del genere è un "cult" imperdibile, un opera che oserei definire "trash neodadaista" in quanto sensa senso, senza nè capo, nè coda, improvvisata, girata in pochissimi giorni, una valanga di volgarità gratuite, solo parolacce e canzoni degli Squallor. Nel suo intento Ippolito ha fatto centro.

  • User Icon

    Francesco

    18/03/2005 09:47:31

    Un capolavoro assoluto del trash italiano.

  • User Icon

    Alessandro

    17/07/2004 16:37:20

    semplicemente..... M I T I C O ! ! !

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione
  • Produzione: Cecchi Gori Home Video, 2004
  • Distribuzione: CG Entertainment
  • Durata: 94 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: 1,85:1
  • Area2
  • Contenuti: trailers; commenti tecnici: commento di Ciro Ippolito, Marco Giusti e Francesco Alò; foto