L' arte di ascoltare la musica

Claudio Casini

Editore: Bompiani
Collana: Tascabili. Saggi
Anno edizione: 2004
Formato: Tascabile
In commercio dal: 13 ottobre 2004
Pagine: 202 p., Brossura
  • EAN: 9788845233029
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 6,72

€ 7,90

Risparmi € 1,18 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    giovanni

    22/03/2009 19:44:44

    Un testo sull'ascolto della musica classica interessante, ben strutturato, scritto in modo semplice.Tuttavia sono dati per scontati concetti, elementi, forme musicali, quando invece andrebbero spiegati meglio proprio a quei lettori, come si recensisce in quarta di copertina, che non conoscono la differenza tra una sinfonia ed un quartetto. Buona l'idea di stilare un'antologia, a parere di Claudio Casini, dei dischi più belli e delle interpretazioni migliori, come utile traccia per chi desidera avvicinarsi alla classica.

  • User Icon

    Simone

    19/09/2006 15:20:06

    Il libro possiede un indubbio merito: usa un linguaggio chiaro,accessibile a tutti, scorrevole. Proprio quello che ci voleva, quindi, per un testo che cerca di"avvicinare"il pubblico alla musica classica, rivolgendosi soprattutto a neofiti della materia. Detto ciò, bisogna anche evidenziarne alcuni limiti: per un testo eminentemente divulgativo come questo, l'esattezza dei dati è fondamentale. Male, allora, che si parli del grande pianista Glenn Gould dandolo per morto nel 1980: l'artista canadese è scomparso nel 1982(!) pochi mesi dopo aver inciso una memorabile versione delle"Variazioni Goldberg" di Bach.<br> Male che alla Missa Solemnis di Beethoven venga assegnato il numero d'opera 125, che invece è quello della Nona Sinfonia!!Forse potrò apparire pignolo, ma per un testo simile sono pecche fastidiose.Aggingeteci poi diverse sviste nell'indice dei nomi, e vi resterà la sensazione che ci sia stata trascuratezza nella correzione delle bozze!Non si tratta di errori di stampa presenti nella mia copia, ho potuto appurarlo con un'altra copia in possesso di un conoscente.Peccato perchè l'autore è stato un ottimo studioso, che comunque stimo molto.

  • User Icon

    otto r.

    05/01/2005 12:06:54

    A dieci anni dalla prematura scomparsa del grande musicografo giunge quanto mai opportuna questa riedizione di un'opera impregnata di grande amore per la Musica unito ad una rara capacità di avvincere il lettore con non comuni doti di avvincente formatore.

Scrivi una recensione