L' arte di ottenere ragione esposta in 38 stratagemmi - F. Volpi,Arthur Schopenhauer,N. Curcio - ebook

L' arte di ottenere ragione esposta in 38 stratagemmi

Arthur Schopenhauer

Con la tua recensione raccogli punti Premium In promozione DOPPI PUNTI fino al 23/6
Traduttore: N. Curcio
Curatore: F. Volpi
Editore: Adelphi
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,21 MB
Pagine della versione a stampa: 124 p.
  • EAN: 9788845978906
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 2,99

Punti Premium: 3

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
Fai un regalo

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Questo trattatello, vera perla nascosta negli scritti postumi di Schopenhauer, qui per la prima volta tradotto in italiano, venne elaborato "come un pulito preparato anatomico" per dare una sistemazione formale agli "artifici disonesti ricorrenti nelle dispute". Schopenhauer fornisce trentotto stratagemmi, leciti e illeciti, a cui ricorrere per "ottenere" ragione: per difenderla quando la si ha, e per farsela dare quando sta dalla parte dell'avversario. Lettura attraente e quanto mai utile: con freddezza classificatoria Schopenhauer ci indica "le vie traverse e i trucchi di cui si serve l'ordinaria natura umana per celare i suoi difetti". Ma, nello stesso tempo, si tratta di un testo che si situa in un crocevia memorabile del pensiero moderno: negli stessi anni in cui Hegel indicava nella dialettica la via per giungere al culmine dello Spirito, il suo irriducibile antagonista Schopenhauer la raccomandava come fioretto da impugnare in quella "scherma spirituale" che è il discutere, senza badare alla verità. Contro Hegel, Schopenhauer si presenta qui come un "maestro di scherma che non considera chi abbia effettivamente ragione nella contesa che ha dato origine al duello", ma si preoccupa unicamente di insegnare a "colpire e parare", giacché "questo è quello che conta". Le ragioni sottintese in questo duro contrasto sono illustrate nel saggio di Franco Volpi che accompagna il testo.
3,75
di 5
Totale 4
5
0
4
3
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium In promozione DOPPI PUNTI fino al 23/6
  • User Icon

    Francesca

    19/09/2018 06:48:14

    È un buon libro anche per chi non conosce la filosofia, mi è risultato abbastanza comprensibile e scorrevole. Consiglio per chi vuole allargare i propri orizzonti.

  • User Icon

    Euge

    28/01/2014 18:45:07

    Se nell'arte della retorica di cicerone c'erano regole generali, qui si va fin troppo sullo specifico. Infatti usa un linguaggio filosofico molto tecnico e, pur usando degli esempi, questi però fanno riferimento ad argomenti precisi di storia, fisica, zoologia. La cosa divertente è che lui stesso ammette quali stratagemmi servono per fare i furbetti e giocare dei tiri ''mancini''.

  • User Icon

    Lorenzo

    24/10/2006 15:37:57

    Un breve testo pratico, forse troppo ed è questa la sola ragione per cui non merita il massimo voto e per cui l'autore decise in seguito di non darlo alle stampe. Il libello si adatta volentieri a chi lo legge, potendo risultare divertente, scandaloso, utile; in sé è una esposizione scientifica ed una guida, seppure con una conclusione disarmante (si può discutere soltanto con determinate persone scelte e assai rare). Le dotte citazioni sparse e subito criticate sono comunque utili, appunto, per farsi riconoscere erronea ragione.

  • User Icon

    Grande Mago

    07/04/2005 11:40:19

    Bello, veramente bello. Io non sono esperto di filosofia ma questo libro può essere piacevole anche per gli ignoranti in materia come il sottoscritto

Vedi tutte le 4 recensioni cliente
  • Arthur Schopenhauer Cover

    Filosofo tedesco. Introdotto nei circoli letterari da Wieland e da Goethe, preparò per l'abilitazione in filosofia il saggio "Il mondo come volontà e rappresentazione" (1819) che discusse con Hegel, non senza contrasti. Dopo un deludente inizio di carriera accademica, si ritirò a Francoforte, dove rimase dal 1831 sino alla morte. Solo i "Parerga e paralipomena" (1851) destarono l'attenzione del pubblico e della critica. In quest'opera Schopenhauer sviluppò il suo raro talento letterario, riuscendo a illustrare con raffinata chiarezza ardui argomenti teoretici e mescolandone la trattazione a quella di temi legati al costume dell'epoca. Approfondisci
Note legali