L' assassinio di Giulio Cesare. Una storia di popolo nella Roma antica

Michael Parenti

Traduttore: L. Cornalba
Editore: Feltrinelli
Collana: Campi del sapere
Anno edizione: 2006
In commercio dal: 28 agosto 2006
Pagine: 180 p., Brossura
  • EAN: 9788807104060
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 10,80
Descrizione

La maggior parte degli storici ha guardato agli anni della tarda repubblica di Roma attraverso gli occhi dell'aristocrazia romana. Il popolo comune viene descritto come una massa di parassiti, una marmaglia interessata unicamente ai "panem et circenses", a placare la fame e a godere dei sanguinari spettacoli del circo. Cesare è per alcuni un tiranno, per altri un pericoloso demagogo che sposa la causa del popolo per desiderio di potere, per altri ancora un "dittatore democratico". Il suo assassinio viene letto come il risultato di inimicizie personali o di lotte di potere svuotate di contenuto sociale. A Parenti non interessa tanto Cesare come individuo, piuttosto gli preme capire quali dinamiche sociali e "di classe" si agitavano dietro le quinte della sua ascesa e del suo assassinio. Quella che Parenti racconta è la storia della resistenza popolare contro una plutocrazia spietata. Una storia "dal basso" che restituisce a un popolo la sua voce. Il libro ricostruisce il contesto sociale e politico in cui maturò l'omicidio di Cesare e, insieme, cerca di leggere "in filigrana" la vita, le iniquità, le aspirazioni della società romana.

€ 15,00

€ 20,00

Risparmi € 5,00 (25%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Libro inedito Chiara Gamberale
OMAGGIO ESCLUSIVO PER TE
Con soli 19€ di libri del Gruppo Feltrinelli fino al 15/01/2019

Scopri di più

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alessandro MATURO

    08/09/2007 05:43:12

    Certo, la lettura ‘politica’ di Parenti può essere una chiave interpretativa, ma perché pessima? E potrebbe anche non essere una buona idea giudicare oggi con la ‘nostra morale’, che pure ha radici importanti nella tradizione giudaico-cristiana (“Non esiste più schiavo né padrone …”). A me l’analisi dello studioso americano è piaciuta e mi è piaciuta soprattutto la ‘rivisitazione critica’ del Cicerone politico, una figura un po’ meno ‘cristallina’ di quella propostaci dalla storiografia classica. E’ un po’ la sorte che tocca a molti grandi del passato, come ad esempio al Colombo ‘conquistatore’ delle Indie. Un bel libro dunque, che apre ‘nuovi orizzonti’ o meglio li ‘riapre’, se già Brecht nel 1935, nella famosa poesia “Domande di un operaio che legge”, si poneva la domanda su chi fa la storia (“Chi costrui' Tebe dalle sette porte? Nei libri ci sono i nomi dei re. Sono stati i re a trascinarli i blocchi di pietra?”).

  • User Icon

    Vincenzo Ciampi

    11/12/2006 18:20:33

    La lettura di classe delle Idi di marzo è una pessima chiave interpretativa. Non che a Roma non vi fosse, da decenni, "un" conflitto di classe: semplicemente, è fuorviante nell'accostarsi ad un evento nel quale motivazioni politiche, personali, culturali, piscologiche si fondono inestricabilmente. Fa il paio con l'ipotesi che vorrebbe la morte di Cesare collegata ad una specie di "Tangentopoli" dell'epoca, in relazioni agli spettacolari progetti urbanistici che Cesare aveva in mente. A questo punto, perchè non fare altre ipotesi fantasiose? Ad esempio, che i congiurati fossero finanziati dai servizi segreti dell'impero partico, al quale Cesare si accingeva a fare la guerra? O che l'istigatrice di Giunio Bruto fosse sua madre Servilia, ex - amante di Cesare accantonata, come una recente fiction di successo ha ipotizzato? Chi più ne ha, più ne metta....

  • User Icon

    Daniele

    26/11/2006 17:51:32

    Parenti scrive bene ed è un ottimo divulgatore. Solo non penso che si possa applicare l'etica "nostra", del XXI secolo, alle strutture di potere dell'antichità. Dare un giudizio negativo dell'aristocrazia romana del I secolo avanti Cristo solo perche un terzo della popolazione italiana di cui era il vertice della piramide era composta da schiavi significa sovrapporre il nostro giudizio critico e la nostra morale ad una società di ventidue secoli fa. Non credo she sia una buona idea

Scrivi una recensione