L' assassino che è in me

Jim Thompson

Editore: Fanucci
Anno edizione: 2005
Formato: Tascabile
Pagine: 224 p.
  • EAN: 9788834710852
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 6,72

€ 7,90

Risparmi € 1,18 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Guido

    07/05/2014 18:36:15

    Forse come voto meriterebbe qualcosa di meno, ma va considerato che The killer inside me è stato il primo noir in cui le vicende sono narrate in prima persona da uno psicopatico, per giunta un tutore dell'ordine: una novità assoluta per l'epoca in cui fu pubblicato (1952). Poi è noto che Thompson narrava sempre vicende al limite, di - come ben ha scritto Lansdale - "piccoli uomini frustrati con ambizioni troppo grandi". Se poi a qualcuno non piacciono i noir - come alla cortese lettrice Cristiana - può fare a meno di leggerli. Si possono criticare anche Dante o Shakespeare come autori "un po' datati", nessuno lo vieta, ma forse bisogna prima fare uno sforzo per contestualizzarli e comprenderli.

  • User Icon

    Cristiana

    29/07/2013 12:41:23

    Confuso! Come forse la mente di un pazzo? Mah! Censura per la casa editrice: il libro non costa tantissimo, ma risparmiare sulla colla è troppo (perde le pagine e io i libri li fodero per leggerli...).

  • User Icon

    TG

    15/07/2012 11:07:20

    Il commento di kubrick che c'è scritto in copertina è azzaccato!Questo è proprio un romanzo fatto di lucida follia!Specialmente del protagonista,il quale non si perde nemmeno per un momento!Avevo letto l'avvincente "colpo di spugna" ma questo libro ha superato ogni mia aspettativa!

  • User Icon

    by Ax

    26/03/2011 20:26:51

    Niente da dire sull'autore, ha costruito una storia di lucida follia con pochi tratti. Per quanto encomiabile, credo sia il genere noir a non catturarmi.

  • User Icon

    Luca Marchesani

    21/11/2010 11:46:11

    Un autentico gioiello noir. Personaggio indimenticabile, tratteggiato con una cura davvero unica. Si seguono le vicende quasi come fossero dettagli secodari rispetto a quanto accade nella mente del protagonista, come se lo sviluppo degli eventi non fosse altro che la tragica messa in scena di una farsa orchestrata da un Diavolo in divisa. Lo stile è secco ma allo stesso tempo elegante. Consigliato a tutti, sopratutto a chi ama il genere thriller - noir di qualità, di cui Thompson è esponente di pregio universalmente riconosciuto.

  • User Icon

    kine

    04/09/2010 14:17:45

    Questo è un suo capolavoro... Non c'è dubbio. Tutti si aspettano di leggere storie di personaggi così o finali imponenti di questa portata. Un genio che da emozioni a piene mani tutt'oggi. Grande e consigliato

  • User Icon

    lucioluc

    03/04/2010 09:05:18

    Notevole davvero. La voce agghiacciante del poliziotto killer Lou Ford parla del nostro lato oscuro, del caos pulsante nel cuore stesso dell'ordine.

  • User Icon

    Silvia Di Cataldo

    24/09/2009 16:32:03

    Un po’ strano, il ragazzo… ma che diamine, nessuno è perfetto: magari è un po’ svitato ma innocuo. Questa è la maschera che Thompson ha scelto per il vicesceriffo Lou Ford e funziona a meraviglia. Lou è il custode della giustizia in una piccola cittadina e ci giocherà come il gatto col topo. . Dà i brividi vederlo muoversi tra le persone “per bene”,onesti cittadini ignari del suo vero volto. Anche i più diffidenti e guardinghi vengono aggirati dal suo ritroso modo di fare. Poi, quando la violenza vera e pura esplode davvero, per un momento chiudi il libro e resti senza fiato. Perché anche tu, fino all’ultimo, ci avevi creduto, ci avevi voluto credere a quel ragazzo. Questa è la grandissima forza di Thompson (e qui, secondo, me c’è il miglior Thompson). Prima ti intriga, poi ti strapazza e infine ti lascia lì come un allocco a fissare le tue disillusioni mentre, per un momento, accosti le tende su un mondo troppo spaventoso per essere guardato a lungo. Solo per un momento, poi le riaprirai e seguirai quello strano ragazzo fino alla fine. Da provare.

  • User Icon

    stefano

    14/12/2008 17:15:39

    lo stile è naturale fatto molto di dialoghi; a volte un po’ confusi e imprecisi. Un capolavoro del noir.

  • User Icon

    Manuela Alessio

    08/03/2007 11:10:27

    Si legge con ingordigia capitolo dopo capitolo, come tutti i romanzi di Jim Thompson. Difficile non innamorarsi dello stile ironico e tagliente di questo autore. Quanto ai contenuti... da far accapponare la pelle, tuttavia quanto mai realistici e disincantati, soprattutto in riferimento alla società americana. Peccato solo per il finale un tantino posticcio e tirato via, anche se vi si trova uno dei passaggi migliori del libro. "Hai l'eternità; e per qualche ragione, non puoi farci un granché. Hai l'eternità; ed è larga un miglio, profonda due dita e piena di coccodrilli" (pag. 202). Può darsi però che il finale sia stato in una certa misura imposto da quell'abbozzo di trama che gli editori della Lion Books sottoposero all'attenzione di Jim Thompson.

  • User Icon

    MB

    08/06/2006 18:08:45

    Bello. Molto introspettivo. Reale. DA LEGGERE

  • User Icon

    Argante72

    17/10/2005 12:26:41

    Ho letto questo libro sulla scorta delle recensioni di questo sito. Ho seguito i vostri consigli senza pentirmene. E' un libro affascinante e inquietante. Strindente l'indifferenza dimostrata dal protagonista nel compiere le sue azioni. Memorabile la scena della fotografia ritrovata...

  • User Icon

    Obelisco Nero

    07/07/2005 14:43:08

    Forse non il miglior Jim Thompson, ma mi ha tenuto inchiodato alla pagina dall'inizio alla fine. Grazie a Fanucci per averlo ristampato

Vedi tutte le 13 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione