L' assassino cieco

Margaret Atwood

Traduttore: R. Belletti
Editore: TEA
Anno edizione: 2018
Formato: Tascabile
Pagine: 634 p., Brossura
  • EAN: 9788850249350
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Un magistrale intreccio di vicende umane, temi storici e sociali, trame e generi letterari, nella tradizione del grande romanzo ottocentesco

«Un romanzo che ne contiene almeno tre, in un gioco di specchi magistrale che mantiene sospesi fino alla verità.» - Natalia Aspesi

«Un romanzo travolgente, tecnicamente impeccabile, pieno di ironia, che sa scavare a fondo nella sofferenza umana.» - Il Venerdì di Repubblica

«Avvincente, una scrittura magistrale... Arte narrativa allo stato puro.» - The New York Times

«È un romanzo d'amore, una saga famigliare, un perfetto congegno noir, un'ottima opera letteraria.» - Panorama

«Dieci giorni dopo la fine della guerra mia sorella Laura precipitò con l'auto giù da un ponte». Sono queste le prime parole, semplici ma inquietanti, con cui Iris Chase, la voce narrante del romanzo, decide, a ottantadue anni, di raccontare le tormentate vicende della sua famiglia nell'arco di quasi un secolo. Ma sin dall'inizio il racconto di Iris viene interrotto dagli stralci di un altro romanzo, una scabrosa storia d'amore scritta dalla sorella tragicamente morta e pubblicata postuma con enorme successo: «L'assassino cieco». Il protagonista del romanzo, un uomo in fuga, inventa per la sua amante una storia di fantascienza su un pianeta inverosimile, dando, così, vita a un terzo livello narrativo.

€ 11,90

€ 14,00

Risparmi € 2,10 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 7,56

€ 14,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Altri venditori

  • 7,56 € spedizione gratuita

    Venduto e spedito da

    IBS

  • 7,56 € spedizione gratuita

    Venduto e spedito da

    IBS

Mostra tutti (6 offerte da 14,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    mitla

    18/03/2014 10:22:40

    La differenza tra un Booker Prize e un libretto sdolcinato e banale è lo stesso che passa tra questo è "Va dove ti porta il cuore" visto che la storia è praticamente identica. Un libro che fin dalle prime riche con quell'incipit così brutale e pieno di interrogativi inquietanti, quella storia di ragazze dalle gonne ampie e i cappleli flosci e gli abiti vaporosi con i colori più difficili da immaginare: ardesia, melone, anguria, coccodrillo.... E poi il modo in cui la storia viene descritta. Un inganno dopo l'altro che viene piano pano disvelato e anche se come me siete un po'0 bravine e già a metà intuite che la coppia di cui si sta parlando nel romanzo della Chase non è quella che immaginavate all'inizio, quello che arriva nelle ultime 80 pagine è veramente difficile immaginarlo. Un thriller a suo modo ricco di emozioni indimenticabili. Bisogna avere pazienza e scalfirlo pagina dopo pagina ma resta certamente nel cuore.

  • User Icon

    silvia

    08/11/2011 13:31:41

    Le memorie di un'anziana signora, pervase di amarezza per un'esistenza trascorsa senza opporsi, si alternano a un fantomatico romanzo amoroso, il cui protagonista narra dozzinali storie di fantascienza. Il disvelamento di ogni mistero viene relegato nelle ultime pagine del libro, quando ormai non c'è più spazio per indulgere nei dettagli, largamente impiegati in precedenza per costruire una suspence che verrà poi disattesa. Si trae beneficio maggiore dalla lettura del romanzo immediatamente precedente: "L'altra Grace", più fluido, verosimile e positivo.

  • User Icon

    missfarfalla

    24/03/2011 20:54:41

    Intenso, doloroso, emozionante. Una narrazione che parte lentamente, poi si avvolge in giri sempre più stretti, come una spirale; mi ha catturata come da tempo non mi succedeva con nessun libro. Come già è stato scritto in un altro commento, non informatevi prima sulla trama: meno ne sapete, più lo assaporerete. Semplicemente "entrate" in questo racconto, fidatevi dell'autrice, e lasciate che Iris Chase vi porti per mano nel suo mondo finto-dorato e ormai lontano; cercate di sentire le sue emozioni, la sua amarezza e il suo tormento: se ci riuscirete, farete una lettura di quelle che non si dimenticano per molto tempo. Ovviamente non tutti abbiamo gli stessi gusti, ma se siete su questa lunghezza d'onda è un romanzo di quelli che toccano qualcosa dentro, che lasciano qualcosa, mentre li si legge ed anche dopo: e questo succede solo con pochissimi libri, i più speciali. Incontrarne qualcuno è' una fortuna rara (e ancora di più da adulti, quando la capacità di sorprendersi ed emozionarsi si è ormai appannata), ma per me questo lo è stato, ed ho una grande gratitudine per chi me lo ha consigliato. Leggerò altro della Atwood: peccato però che l'altro titolo che mi era stato consigliato, "La donna che rubava i mariti", a quanto pare non sia più in commercio. Se era al livello di questo, è veramente una perdita!

  • User Icon

    Overseasl

    01/07/2008 18:13:32

    L'assassino cieco è un libro a volte duro, a volte cinico, a volte ironico, sempre poetico. Racconta i sogni infranti e le speranze,i rimpianti e fallimenti di Iris e sopratutto della dolce Laura, l'imperscrutabile sorella "diversa" in tanti modi. Ma è anche la storia di un assassino cieco che amava una fanciulla, bellissima e muta, e della loro tragica morte, insieme così fantastica e così umana. L'assassino cieco racconta di inganno e di vendetta, di affetto negato e di solitudine, lunga 50 anni. Parla di rancore e, infine, di giustizia. Perché giustizia è ciò che vuole Iris, per la figlia,morta , per la nipote, tratta in inganno da una donna crudele, per Laura, tragica vittima di una tragica colpa. E la vuole per sé stessa, burattino infelice e stanco, prigioniera di una vita scelta da altri. Pretende giustizia, è lo farà fino all'ultimo: "Nonna, mi dirai,e con quelle parole non sarò più una rinnegata".

  • User Icon

    Ceia

    01/04/2007 13:12:17

    Il suicidio di una donna, Laura. E un fascio di quaderni legati da uno spago, trovati da un’altra donna, Iris - è sua sorella. E una fotografia, anzi no. Non proprio. La descrizione di un pezzetto di fotografia. Vecchia di anni. In bianco e nero. Una fotografia scattata una vita fa che ritrae giovani sorrisi spensierati. La Atwood parte da qui, e scrive un capolavoro. Potrei sprecare aggettivi, per descrivere le emozioni che mi ha trasmesso questo romanzo durante i giorni che mi ha fatto compagnia: bellissimo, seducente, misterioso, intrigante, malinconico, pregnante, importante, doloroso, dolce, romantico, cinico. Ognuno di questi aggettivi lo racconta e racconta i miei stati d’animo in fase di lettura. Impossibile parlare del romanzo senza far cenno alla trama, ma ancor più impossibile è farlo senza rovinare la sorpresa a chi volesse leggerlo e consiglio, CALDAMENTE, a chi avesse intenzione di leggerlo di lasciar perdere recensioni e quarte di copertine per dedicarsi al libro stesso: ha una storia avvincente come poche, non è un thriller ma si legge come tale. E, aggiungo io, meno se ne sa e meglio è. Per quanto riguarda la struttura: L’Assassino cieco è tre romanzi, uno dentro l’altro, come le matrioske che stavano in camera dei miei genitori tanti anni fa, e che mi appassionavano e mi intrigavano: una bambolina bella e finita che quando l’aprivi ne conteneva un’altra altrettanto perfetta ma solo più piccoletta, all’interno della quale ce n’era un’altra ancora… BELLISSIMO.

  • User Icon

    corona

    26/08/2004 15:25:50

    Uno dei più bei libri che abbia mai letto. Coinvolgente , tecnicamente impeccabile , e molto originale. Mi è piaciuto veramente tanto lo consiglio a tutti anche se è vero che l'inizio è un po' difficile.

  • User Icon

    io

    07/07/2004 20:32:34

    La prima volta che ho provato a leggerlo, l'ho abbandonato perchè non riusciva a coinvolgermi...ma la seconda volta, superato lo scoglio, francamente arduo, delle prime pagine mi ha stupito per la rara maestria con cui le storie, gli stili e i personaggi si fondono. Bello davvero, ma tanto complesso.

  • User Icon

    chicca

    10/01/2004 16:41:04

    bellissimo a sorpresa. un crescendo continuo.concordo con mfg

  • User Icon

    alessandra

    09/01/2004 16:17:22

    non riesco ad andare avanti!non mi coinvolge, la trama è troppo frammentata in una lunga serie di descrizioni!

  • User Icon

    georgia

    08/01/2004 11:09:12

    bellissimo - appassionante e ben congegnato. Suggerisce senza dire, fa capire senza spiegare. veramente una bella sorpresa per me che non conoscevo l'autrice.

  • User Icon

    elena

    02/06/2003 20:08:09

    la bravura di questa autrice si evidenzia nella sua capacità narrativa dal momento che il romanzo racchiude in realtà tre storie che si sviluppano secondo lo schema della cornice. la vicenda principale è quella maggiormente avvincente che riesce a catturare il lettore fino all'ultima pagina.

  • User Icon

    Fernando Montrasio

    08/07/2002 23:44:13

    Ritratto di ambiente ed epoca molto dettagliato, gioca sul contrasto tra i due (tre) filoni narrativi, e coinvolge in maniera lenta, ma sempre più profonda, fino a colpire al cuore. Il fatto che il finale sia prevedibile è sicuramente volontà dell'autrice, che lascia trasparire la verità poco alla volta, suggerendola con dettagli disseminati qua e là ben prima delle ultime cento pagine del romanzo. Il vero centro narrativo non è però la conclusione, ma la ricostruzione, profonda e convincente, della lenta deriva della protagonista, e della sua apparente passività, che non può non concludersi con la ribellione.

  • User Icon

    minou

    04/06/2002 10:42:22

    Coinvolgente, appassionante, crudo in alcuni momenti e contemporaneamente tenero e struggente nella epica storia che si snoda pagina dopo pagina. Uno dei libri più entusiasmanti letti ultimamente.

  • User Icon

    maria

    01/05/2002 19:45:31

    un romanzo, uno e trino. Tre storie, tutte e tre avvincenti.Entusiasmante!

  • User Icon

    giulia

    06/04/2002 19:09:52

    Un palazzo perfettamente costruito.Perfetti sono anche la scelta della famiglia che lo abita e il modo in cui la scrittrice sposta i personaggi di stanza in stanza, di capitolo in capitolo.

  • User Icon

    Diana

    29/09/2001 17:47:02

    Una pizza incredibile. uno dei pochi libri che non ho finito. Inutile, sconclusionato, supponente, dimostra la presunzione della scrittrice.

  • User Icon

    Gianna Dalle Rive

    03/07/2001 21:41:36

    Un bel libro: grande intreccio e passaggi memorabili. Non riesco a liberarmi dalla sensazione incombente della "eccessiva" intelligenza della Atwood. Troppo ben architettate le tre trame convergenti (convergenti nella quarta dimensione della narrazione di Iris, che dovrebbe essere sorprendente, ed è invece sorprendentemente prevedibile, tanto che per gioco l'avevo prevista, chiudendo il libro a cento pagine dalla fine, ed immaginando il resto prima di finire di leggere, o forse voleva proprio questo?)Insomma: mi sembra che manchi il sentimento, ma temo di sbagliarmi. Mrs. Atwood ha preso il Booker Prize, ergo devo sbagliarmi.

  • User Icon

    Maria Francesca Gnudi

    12/06/2001 12:11:22

    Ho sempre letto, tanto, ma ultimamente non riuscivo a trovare un romanzo che riuscisse a trascinarmi, a farmi sfogliare avidamente le pagine, una dopo l'altra, sperando di arrivare alla fine ma nello stesso tempo di non arrivarci mai. "L'assassino cieco" rientra perfettamente in questa categoria: è assolutamente catalizzante. Non ci si può non appassionare ad Iris, Laura, Alex e alla loro turbinosa storia che si snoda nel corso degli anni; si sorride, a volte si ride, sempre ci si immedesima nei personaggi. Complimenti, Mrs. Atwood! MFG

Vedi tutte le 18 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione