L' assenza dell'assenzio

Andrea G. Pinketts

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
Pagine: 359 p., Brossura
  • EAN: 9788804551744
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    MASSIMO

    05/04/2008 12:26:51

    Questo è il primo libro di Pinketts. Non so se ne leggerò altri. Effettivamente è la grande padronanza della lingua italiana che Pinketts dimostra di possedere che ti tiene appiccicato al libro piuttosto che la trama, farraginosa e fantastica, un pò forzata, ma sempre riconducibile alla personalità un pò "sui generis" dell'Autore che ho avuto modo di ascoltare ad un festival del noir di Courmayeur di qualche anno fa. Forse non è il mio genere, ma comunque "L'assenza dell'assenzio" rimarrà per me un'esperienza dal gusto dolce-amaro e Pinketts lo ricorderò così come l'ho conosciuto: esempio di scrittore assolutamente unico nel panorama letterario, simpatico guascone sempre in perfetto equilibrio tra autore colto e anarchico viveur milanese.

  • User Icon

    gianluca

    21/07/2007 21:48:20

    Indipendentemente dalla trama che può non entusiasmare, il massimo dei voti per come Pinketts "palleggia" con la lingua italiana.

  • User Icon

    NB1975

    15/04/2006 13:58:47

    Bravo Pinketts! Non lo conoscevo ma certamente lo scrittore milanese offre al pubblico, attraverso una scrittura fresca e disorientata, la rocambolesca storia di un trentenne che rifiuta la "trincea" e decide di impattare la vita, viverla frontalmente (tra peripezie semplicemente quotidiane e incontri casuali) succhiarla emozionalmente fino a varcare l'ultima porta, quella dell'assenza del vuoto. Nessuna pesantezza trascendentale (per fortuna) e pochissime forzature. A mio avviso AGP si inserisce di forza nel filone Hornby, Morozzi (soprattutto), Piperno (solo per certi versi) e Bergonzoni (visto che giochicchia con le parole con una dimestichezza), ovvero tra quel gruppo di giovani autori che costituisce la vera "nuova leva" della rinascente letteratura italiana. Leggerò il conto dell'ultima cena

Scrivi una recensione