Atlante degli abiti smessi

Elvira Seminara

Editore: Einaudi
Collana: I coralli
Anno edizione: 2015
In commercio dal: 6 ottobre 2015
Pagine: 179 p., Brossura
  • EAN: 9788806226640
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 9,18
Descrizione

«Ti chiedi come ha fatto la seta a resistere intorno al cuore che precipitava. Ci sono vestiti che reggono i peggiori addii.»

Eleonora è una donna eccentrica con un modo tutto suo di guardare il mondo. Ma è anche una donna impetuosa. E ora che l'ex marito è scomparso, il rapporto con la figlia Corinne si è strappato, "come un lenzuolo che ha subito troppi lavaggi, vestito troppi letti". E anche per questo che Eleonora lascia Firenze e si rifugia a Parigi, in cerca di solitudine e di chiarezza, perché certe fughe "non si organizzano, si subiscono e al massimo cerchi di perfezionarle". Da lì, osserva il parco sotto casa e le abitudini bizzarre degli inquilini del suo palazzo - un "ottimo esercizio di equa e diffusa compassione" - e tesse nuove trame. Ma soprattutto scrive a Corinne, per ricucire il loro rapporto. Un giorno dopo l'altro compila un campionario sfavillante degli abiti lasciati nella casa di Firenze. Una sorta di vademecum per orientarsi fra il silenzio ostinato degli armadi e il frastuono dell'umanità. Il catalogo animato di Eleonora diventa cosi un modo di trasmettere l'esperienza del tutto singolare, "fuori dalle ante". Un vortice di parole febbrili, inventive, con una forza espressiva inesausta, che ci trascina senza sosta, lasciandoci alla fine la sensazione di aver vissuto una storia che ci riguarda molto da vicino.

€ 14,45

€ 17,00

Risparmi € 2,55 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    francesca

    26/09/2016 11:01:33

    Che dire : acuta osservatrice non certo degli abiti ma bensì dell'animo umano... delle anime umane trasferite alle cose e nello stesso tempo cose che vestono il sentire umano . Bellissimo, niente affatto pretenzioso. Io lo trovo molto sincero, forse perchè ho conosciuto l'autrice alla presentazione del libro al Taobuk.

  • User Icon

    francesca

    23/09/2016 10:35:39

    sono solo a pagina 50 e già sono pazza di questo romanzo ! A dopo.....

  • User Icon

    Elle

    30/06/2016 15:08:14

    L'idea era talmente bella... peccato che il libro sia penalizzato da uno stile un po' pretenzioso, poco sincero. Alcuni stralci, però sono bellissimi, universali, per questo non me la sento di dare un voto basso.

Scrivi una recensione