-15%
Atlante delle isole remote. Cinquanta isole dove non sono mai stata e mai andrò. Ediz. illustrata - Judith Schalansky - copertina

Atlante delle isole remote. Cinquanta isole dove non sono mai stata e mai andrò. Ediz. illustrata

Judith Schalansky

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Francesca Gabelli
Editore: Bompiani
Collana: Overlook
Anno edizione: 2013
In commercio dal: 6 novembre 2013
Pagine: 143 p., ill. , Rilegato
  • EAN: 9788845275067
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 19,98

€ 23,50
(-15%)

Punti Premium: 20

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Atlante delle isole remote. Cinquanta isole dove non sono ma...

Judith Schalansky

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Atlante delle isole remote. Cinquanta isole dove non sono mai stata e mai andrò. Ediz. illustrata

Judith Schalansky

€ 23,50

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Atlante delle isole remote. Cinquanta isole dove non sono mai stata e mai andrò. Ediz. illustrata

Judith Schalansky

€ 23,50

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 23,50 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Con questo atlante, Judith Schalanslcy ci conduce in cinquanta isole remote, lontane da tutto e da tutti che non troverete mai con Google Earth: da Tristan da Cunha fino all'atollo di Clipperton, dall'Isola di Natale a quella di Pasqua, e ci racconta storie misteriose e bizzarre. Storie di animali rari e di uomini strani, di schiavi naufraghi e solitari studiosi di scienze naturali, esploratori smarriti e folli guardiani del faro, naufraghi dimenticati e marinai ammutinati. Sono le storie di "Robinson" volontari e involontari che dimostrano che i viaggi più avventurosi si svolgono sempre nell'immaginazione, con il dito sulla carta.
4
di 5
Totale 3
5
0
4
3
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Leonardo S.

    14/12/2017 10:54:16

    Come dicevano anche le altre recensioni, il libro di per sé è molto suggestivo, e personalmente mi sono trovato a fantasticare mentalmente su molte delle storie e dei posti che sono qui narrati, e il libro di per sé è anche utile per venire a conoscenza di alcuni degli angoli più remoti del nostro pianeta. Il problema è che le descrizioni delle singole isole sono "flash", brevi incursioni su una certa notizia o fatto insolito, che lasciano con molta curiosità non soddisfatta e che va approfondita altrove in modo autonomo. Qualche pagina in più di descrizione (è un libro di 143 pagine) sarebbe stata utile, ma nel complesso è un libro che vale sicuramente la pena acquistare!

  • User Icon

    andrea m.

    29/03/2015 17:43:27

    Ho ricevuto il libro come regalo. Idea molto originale, un'introduzione simpatica e invitante. Stimola molto la curiosità ma spesso le spiegazioni sono molto brevi. Spero che escano presto pubblicazioni molto simili. Ho apprezzato anche l'aspetto elegante sia interno che esterno.

  • User Icon

    Carol

    05/08/2014 09:12:22

    Libro molto affascinante e interessante, così come le isole di cui parla e le storie che le vedono protagoniste. Per alcune di queste però, mancano dettagli o ulteriori informazioni sulle vicende, che lasciano insoddisfatta la curiosità, come se l'autrice abbia voluto mantenere un alone di mistero. Pregiata anche l'edizione e la grafica, anche se la scelta di alcuni caratteri con le grazie e di dimensioni troppo piccole rende necessario l'uso di una lente di ingrandimento per la lettura.

  Il progetto grafico di questo seducente volume è della stessa scrittrice. Nata a Greifswald nel 1980, Schalansky riversa la sua esperienza tipografica in libri di squisita fattura, che rimandano a una cura oggi inconsueta. Bompiani riprende i caratteri della pluripremiata edizione tedesca: dorso rilegato in tela nera, copertina azzurra cartonata, unghiatura e pagine con taglio colore, come nei libri liturgici. Nel risguardo una carta nautica del pianeta introduce il lettore a brevi ma acute considerazioni sulla cartografia, poche pagine che Schalansky, forse sulle orme degli antichi rubricatori, tempesta di segni e rimandi rosso arancio, in un gioco di nomi dal suono "mitico e fiabesco", memori della natura primigenia di terre selvagge: "Come il paradiso prima del peccato originale – impudico e innocente". L'isola diventa allora metafora, spazio smarrito nel segreto delle dorsali sottomarine, nell'immobile armonia degli oceani. Appellandosi a Stevenson che vedeva nei porti "incantevoli sonetti", Schalansky invita il lettore ad annoverare la cartografia "tra i generi poetici", mentre l'atlante viene assunto "tra la bella letteratura", in virtù della sua "denominazione originaria: Theatrum orbis Terrarum". La breve prefazione segnala una nostalgia di conoscenza covata fin dall'infanzia, quando ancora il Muro impediva i grandi viaggi e dalla città natale affacciata sul Baltico la scrittrice si cercava nel mondo con il dito sull'atlante scolastico, correndo oltre le frontiere. Oggi che il suo paese è sparito dalle carte "insieme ai suoi confini tracciati e sentiti", Schalansky propone un modello narrativo per molti versi sorprendente: le sue "isole remote", cinquanta in tutto, emergono attraverso un'impaginatura binaria. A destra la raffigurazione di un'isola lontana, precisa nella sua orografia ma priva di coordinate o di riferimenti cardinali, come immersa nel respiro dell'oceano, solitaria nel tenue azzurro a tutto campo della pagina. Assente la valenza geografica, l'immagine stessa diventa così narrazione, voce autonoma tra cielo e mare. La pagina sinistra, a specchio con l'illustrazione, funge da periscopio, fornendo diagrammi e dati dettagliati su quella porzione di terra che talvolta è solo un atollo, uno scoglio sperduto o – come Takuu, nella Papua Nuova Guinea – un anello di sabbia quasi sommerso, in continua balia del cambiamento climatico. A questa sorta di piano cartesiano segue infine il vero e proprio testo letterario. Mai più di trenta righe, ma è qui, in questa drammaturgia minimale, che si sente il polso della scrittrice. Sono brevi bozzetti a fronte, frecce nello spazio e nel tempo, scintille narrative che mettono il lettore in visione d'ascolto: l'occhio percorre lagune di coralli, laghi e vulcani, remote prodaie di antichi naufragi. Una scrittura intermittente e vagabonda ma capace di rivivere le emozioni dei primi esploratori, le loro storie di libertà, il mondo da scoprire, il segreto da celare. Come nell'Isola del Cocco ("due carte, tre tesori"), dove, alla ricerca dell'oro dei pirati, generazioni scavano nel fango "fosse grandi abbastanza per seppellirci una nave, ma non un sogno". Ogni isola è una vicenda che attraversa il tempo, una promessa del destino, spesso con un esito fatale. Si vedono allora navigatori con gli occhi persi in un abbaglio di conquista, sonnambuli che salpano verso la catastrofe, traditi da un mare cieco e inesorabile. Nel paesaggio restano velieri come ceppi sbattuti sulla battigia, relitti di un miraggio di ricchezza: conchiglie e ossa, esistenze senza nome, sepolte in terre remote. Frammenti di un possibile romanzo, questi testi miniaturizzati appaiono innervati da una conoscenza antropologica e da un'inconsueta familiarità con la storia naturale. Sono saperi peraltro già evidenti nel notevole Der Hals der Girafe (Lo splendore casuale delle meduse, Nottetempo, 2013), racconto centrato sulla figura di un'insegnante di biologia e ambientato in una grigia provincia della Germania orientale di oggi. Ma se qui la narrazione fortemente paratattica e tutta interna all'io implode in una disamina serrata della ratio evoluzionistica, nell'Atlante si coglie piuttosto l'allegria di una circumnavigazione al femminile che dalle pieghe delle pagine esplora isole remote, percorrendo l'ampio mondo.   Anna Chiarloni    
  • Judith Schalansky Cover

    Judith Schalansky, nata a Greisfwald nel 1980, dopo una Laurea in Storia dell’Arte e una in Design, lavora a Berlino come scrittrice e designer, oltre a tenere corsi di tipografia. Il suo Atlante delle isole remote è uscito in Italia per Bompiani nel 2013. Lo splendore casuale delle meduse ha vinto nel 2012 il Premio Stiftung per il libro tedesco più bello dell’anno. Approfondisci
Note legali