Traduttore: P. Valpolini
Editore: TEA
Collana: Best TEA
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
Pagine: 448 p., Brossura
  • EAN: 9788850243235
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Mack Bedford è una macchina da guerra implacabile. Ma dopo aver vendicato un sanguinoso attacco ai suoi compagni, subisce un processo il cui verdetto lo costringe ad abbandonare l'esercito. Tutto a quel punto gli crolla addosso: la carriera, la speranza, il suo innato senso di giustizia, nulla sembra più avere senso. Il ritorno nella sua casa del Maine ha il sapore della sconfitta, ma lui non può permettersi di cedere: la vita di suo figlio Tommy è appesa a un filo, e l'unico modo per curare la rara malattia di cui è affetto è un costosissimo intervento chirurgico in una clinica svizzera. E se la vita del bambino ha il prezzo di un milione di dollari, l'unica opportunità che Mack ha di salvarlo è quella di accettare una proposta tanto inaspettata quanto rischiosa. Una missione che lo porterà ad affrontare un magnate dell'industria bellica, uno degli uomini più potenti d'Europa. E che lo costringerà a ignorare tutti i valori in cui ha sempre creduto, a indossare i panni di chi ha sempre disprezzato. A diventare un attentatore...

€ 5,86

€ 6,90

Risparmi € 1,04 (15%)

Venduto e spedito da IBS

6 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 6,90 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Sara failla

    22/08/2015 14:08:27

    Fortuna non ho dato credito alle recensioni pubblicate, xke il romanzo e' bello e lo stile scorrevole, le descrizioni precise, e dalla prima all'ultima pagina si susseguono accelerazioni e rallentamenti e cambi di scena, con personaggi ben costruiti e tematiche di scottante attualità . Davvero avvincente.

  • User Icon

    Giovanni

    25/07/2012 20:45:51

    Si è vero ha copiato molto da " Il giorno dello Sciacallo" , però si legge molto bene , direi il classico libro da portarsi sotto l' ombrellone .

  • User Icon

    Davide

    30/01/2011 22:16:32

    A dispetto di quanto letto negli altri commenti, a me è piaciuto molto. Lo consiglio a tutti gli amanti dei libri di Ludlum.

  • User Icon

    Maurizio

    18/10/2010 10:16:50

    Effettivamente, confrontandolo con il passato, è una tragedia. Al di la delle considerazioni tecniche già esposte, a un certo punto il libro diventa un remake sbilenco de Il giorno dello Sciacallo, con il protagonista "giustiziere" che completa la sua missione con una strategia a dir poco originale (dal furto del peschereccio all'acquisto cash di automobili fino all'infiltrazione finale con tanto di fuga sottomarina). Diciamo che se avete qualche ora da impegnare on una lettura "disimpegnata" e aspettate l'edizione economica può fare al caso vostro. Se siete fan del "vero" Robinson, lasciate perdere.

  • User Icon

    Massimo

    25/09/2010 19:47:42

    Sempre più deluso. I bei tempi della serie USS sono finiti da un pezzo. Adesso Robinson si perde in trame cervellotiche, senza un valido filo logico. L'idea stessa di fondo "lo scandalo" del terribile missile anticarro che carbonizza gli equipaggi è al di fuori di ogni realtà operativa. Qualunque carro colpito da un anticarro (di qualunque tipo) che perfori la corazza (sia i famigerati penetratori all'uranio impoverito che le normali testate a carica cava) trasformano il mezzo in una Bara di Fuoco - (indimenticato volume edito a suo tempo proprio da Longanesi dedicato alla guerra corazzata nel deserto della IIWW). Aggiungiamoci poi l'illogicità di aspettarsi una "guerra leale" in un contesto asimmetrico, da parte poi dei "buoni" che abitualmente utilizzano cluster bomb e fosforo bianco ...Dulcis in fundo, come detto la traduzione orribile rende irrealisticamente come "carri" (come se i commandos dei SEAL fossero dei "normali" meccano-corazzati) i mezzi antimina del tipo MRAP ormai unici ad operare nei teatri medio-orientali. Non parliamo poi del processo in stile finto-JAG con la Corte Marziale che "discute" con accusato e testimoni come se fossero in un mercato. Aggiungiamoci i soliti francesi brutti e cattivi e avremo un pessimo libro. Si salva un filo giusto per il ritmo, tutto sommato decente e per un occhio di riguardo al "vecchio" Robinson

  • User Icon

    Geronimo il perfido

    12/07/2010 17:33:19

    Ad un romanzo d'avventure si chiedono azione e tensione! e qui ne abbiamo in abbondanza... non importa se gli incastri non sono perfetti come nel fucile di Mack... Però la traduzione è pessima, ripetitiva, stridente... Troppi libri da pubblicare subito subito... e allora si tira via in fretta senza nessun rispetto per il lettore...

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione