Auschwitz. Ero il numero 220543

Denis Avey,Rob Broomby

Traduttore: E. Cantoni
Editore: Newton Compton
Collana: Gli insuperabili
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
Pagine: 320 p.
  • EAN: 9788854165687
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 3,18

€ 5,02

€ 5,90

Risparmi € 0,88 (15%)

Venduto e spedito da IBS

5 punti Premium

Disponibile in 2 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Fabiana

    25/09/2017 13:38:25

    In genere apprezzo sempre quando in una testimonianza l'autore non parte dal punto cruciale, ma dal principio. In questo caso, Avey non parte dal suo arrivo ad Auschwitz, ma da quando ha iniziato la guerra, narrando il suo combattimento contro l'esercito italiano nel deserto del sud dell'Africa. Questo è fino a ora l'unico caso in cui il principio non l'ho apprezzato, sarà che le tattiche e le movenze della guerra io faccio fatica a capirle e sarà anche per un certo senso di patriottismo (Avey afferma di aver ucciso e preso in giro molti italiani e di non provare rimorso), ma mi sembrava di leggere a vuoto. "Auschwitz. Ero il numero 220543" è un titolo molto accattivante, ma anche allusorio. Io mi aspettavo una testimonianza struggente sulle fatiche e sulla disperazione del campo, io leggo questo genere di libri appunto per capire la Storia, il dolore e perché credo fermamente nel sottovalutato "per non dimenticare". Avey sì, entrò nel campo di concentramento di Auschwitz, ma come prigioniero inglese e, quindi, in una posizione molto più agevolata rispetto agli ebrei deportati. I tedeschi cercarono di evitare l'incontro tra gli inglesi e gli ebrei, ma non ci riuscirono e Avey incontrò Ernst, un uomo molto deperito e debole. Avey, PER PURA CURIOSITÀ, decide di rasarsi il cranio e scambiare con lui la divisa. Lo scambio lo faranno due volte ed entrambe le volte non durerà nemmeno 24 ore. Sarà comunque un'esperienza traumatica, ma mi sembra comunque un po' una presa in giro. La sua sofferenza, paragonata a quella degli ebrei, mi sembra un insulto. Avey, dopo aver assistito a numerose crudeltà, decide di voler diffondere la conoscenza e la consapevolezza in merito ai campi di concentramento, assenti nel 1944, e sa di non voler stare zitto. Parlerà, sessant'anni dopo! Prima soffre per il trauma e lo cura cavalcando tori in Spagna. Grande senso del dovere! Il libro è carino, ma un po' noioso, pieno di particolari inutili e Avey mi è sembra un ipocrita pallone gonfiato.

Scrivi una recensione