Autoanalisi per non pazienti. Inquietudine e scrittura di sé

Duccio Demetrio

Collana: Minima
Anno edizione: 2003
Formato: Tascabile
Pagine: XI-275 p., Brossura
  • EAN: 9788870787733
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 11,90

€ 14,00

Risparmi € 2,10 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Ilaria Giudetti

    05/12/2013 11:17:25

    Un testo pedante, privo di vivacità. Si presenta ripetitivo attraverso un linguaggio che spesso si aggroviglia su concetti che potrebbero essere esplicitati con più chiarezza. Da la sensazione che ci sia una forte intenzione autoreferenziale e poca volontà di interagire con il lettore

  • User Icon

    antonio d'agostino

    02/10/2009 16:02:10

    Il libro offre spunti interessanti , ma forse si rivela un po ripetitivo nell'ultima parte . comunque nel complesso utile alla riflessione.

  • User Icon

    LAURA TUSSI

    10/12/2007 17:46:00

    Dialogare, discutere, parlare e ricavare biografie da queste modalità comunicative e raccogliere la personale autobiografia, costituiscono un’antica forma culturale, consueta, di incoraggiamento e autoriconoscimento, svelando la natura pedagogica delle parole, quando, dai racconti, dalle storie, si impara sempre di sé, degli altri, del mondo, in eventi di pensiero. Il pensiero è l’ambito profondo dei giochi discorsivi e conversazionali, rivolgendo le attività della mente a orizzonti, possibilità, sfide, in salti cognitivi, in variazioni di mentalità, nell’emergere di immagini diverse dalla realtà: narrare e far narrare costituiscono, innanzitutto, una tecnica visionaria, in un contesto quotidiano in cui troppo spesso si disperdono il senso e l’esperienza delle modalità narrative che rappresentano la storia di uomini e donne, la storia della trasmissione di sapere. Nell’attuale crisi della narrazione e dell’oralità, si vive di suggestioni e immagini volte ad impressionare. La narrazione è una memoria in una trama da raccontare nelle intenzioni, negli scopi, nelle azioni dei protagonisti, nel significato di sequenze di storie, oltre gli stimoli, le impressioni, i segni chiusi in se stessi, suscitando emozioni, sviluppando interrogativi, pathos, enigmi, mistero. La norma analogica della narrazione presenta un valore metaforico, simbolico, mitico. Il motivo logico è la morale nell’intrinseca pedagogia che insegna, consiglia, dimostra. Il metodo autobiografico ha capacità di promuovere desideri di conoscenza e trame di storie che sappiano educare e stupire. Il senso biografico si evolve in antichi criteri narrativi dell’attività retrospettiva della mente. La memoria, il ricordo, l’evocazione, costituiscono un itinerario di indagine sulle cronologie, le stagioni della vita, i ricordi più significativi che si sviluppano nella didattica autobiografica con chiari scopi di carattere cognitivistico, dove il ricordare è produzione di racconto. Laura Tussi

  • User Icon

    LAURA TUSSI

    20/11/2007 11:24:31

    Il processo analitico consiste nella ri-narrazione di una vita, ad un altro, che è un interlocutore, l’analista, attento all’ascolto ed all’incontro con la memoria: da subito avviene l’incontro tra due memorie, quella di chi parla e quella di chi ascolta. Le diverse teorie pratiche dell’analisi, a partire da Freud e Jung, si fondano sull’ascolto come luogo ed avvenimento in cui rintracciare proprio la priorità e la fondatezza dei percorsi della memoria. Nel 1912 Freud raccomandava di porgere a tutto ciò che ci capita di ascoltare la medesima “attenzione fluttuante” e di rivolgere il proprio inconscio come organo ricevente nei confronti del malato che trasmette. La difficoltà di questo modo di procedere sarà sempre più problematica, tanto da definire la professione dell’analista un compito impossibile dopo l’educare ed il governare. All’interno del setting, la relazione analitica diventa transferale o meglio cotransferale fin dall’inizio. Per entrare subito nella definizione della pratica dell’analisi, questa è una costruzione comune, una co-creazione in cui i due partner, l’analista e l’analizzato scrivono assieme una verità narrativa, basata sull’incontro, sulle emozioni che affiorano, sulla memoria come organo vivente che ri-narra, ri-racconta e trasforma il ricordo in presenza. L’analisi è una co-narrazione e una costruzione a due vie, in cui la memoria dell’uno entra a far parte della memoria dell’altro e la narrazione si colloca all’interno di una dialettica del pensiero, o meglio, di una reciprocità totale a partire dall’inconscio. Le emozioni che l’analista vive, lo riguardano e sono la base indispensabile per l’analisi, mentre una volta il controtransfert era vissuto come un pericolo, un errore da fuggire, ora è riconosciuto come la premessa della relazione, quindi non esiste analisi, se non esiste una capacità di mettersi in gioco nell’ascolto.

  • User Icon

    paull

    28/10/2004 22:29:04

    decisamente brutto

  • User Icon

    Luca Gualteri

    09/01/2004 17:23:06

    Il titolo promette molto ma il libro purtroppo non mantiene la promessa. Il contenuto e' largamente teorico e non offre praticamente spunti per iniziare un percorso di autoanalisi. Gli unici due punti interessanti sono la descrizione della metafora dell'albero e la breve storia degli autori che si sono occupati della materia. Francamente un po' poco per un libro cosi' lungo, ed alla fine noioso.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione