Baci, soldi e sganassoni. Le inchieste del commissario Sanantonio della polizia di Parigi - Bruno Just Lazzari,Sanantonio - ebook

Baci, soldi e sganassoni. Le inchieste del commissario Sanantonio della polizia di Parigi

Sanantonio

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Bruno Just Lazzari
Editore: E/O
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,17 MB
Pagine della versione a stampa: 154 p.
  • EAN: 9788866325239
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 5,99

Punti Premium: 6

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
Fai un regalo

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Stavolta, il caso vuole che io entri nel mondo del delitto per il Palazzetto dello Sport. Il caso si chiama Téo Jules (nipote di Berù), il quale invece di darsi al ricamo, si è dato alla boxe... e vince anche. Il fatto non mi sorprende, se ne vedono e se ne sentono di tutti i colori, a questo mondo. Ciò che mi sorprende, invece, è il suicidio di Mario Josephini, il famoso manager della boxe. Stando ai giornali, il poveretto si è gettato dal quinto piano, forse per disperazione. La cosa, potete immaginare, non mi va giù: sono un flic e vedo sempre nero. Ma ecco spuntare nel buio una stella, un pezzo di ragazza che ve la lascio immaginare. Non è polare, ma io cerco di orizzontarmici lo stesso. Invano. La bella scompare, lasciando il divino bestione Berù più morto che vivo. Eccomi di nuovo al buio, dove finisco per inciampare nientemeno che in due cadaveri. A questo punto, ce la metto tutta: il fosforo del mio cervello comincia a far faville. Ci sono!... per buona pace mia e di Pinaud (dimenticavo di dirvi che c'è anche lui) e per la buona salute di Bérurier."
4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    luciano

    10/07/2014 19:09:38

    Sanantonio assiste ad un incontro di boxe tra Micoviak,campione di Francia, e Mohammed campione di Borgogna. L'incontro è truccato e Sanà lo sa, deve vincere Micoviak ma Mohammed, dopo avere incassato un dritto fulminante, decide di mettere a K.O. Micoviak. Qualche tempo dopo Mario Josephini manager di Mohammed, si getta dal quinto piano della sua abitazione. Sanantonio intuisce che quel suicidio non è un suicidio: " Mi sembra impensabile che un manager di boxe si suicidi. Il suicidio è retaggio ( come direbbe un pescatore di tonni) degli intellettuali...Ora, Josephini faceva un mestiere che, possiamo affermarlo senza esitazioni, non spinge a dormire con un libro di Sartre a guisa di guanciale". A questo punto inizia la sua personale indagine che lo porta ad arrestare Abel Delmanzo, anche lui manager della boxe. Sanà nell'interrogatorio di Abel se ne frega delle leggi più elementari che impongono di non estorcere la confessione di un indagato con le maniere forti. Qui si assiste, invece, ad un vero e proprio pestaggio di Abel a cui viene piazzato un sinistro nel fegato, gli viene sferrata una gomitata nelle " costolette che "gli svuota il tubo respiratorio", gli vengono mollati una violenta sberla, un calcio nella caviglia, un colpo pieno sull'orecchio destro... Sanantonio meriterebbe di essere denunciato per maltrattamenti e per questo non gli do il massimo dei voti. Da leggere sulla spiaggia, condizioni metereologiche permettendo.

| Vedi di più >
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali