Editore: Fanucci
Collana: Tif extra
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
Pagine: 200 p., Brossura
  • EAN: 9788834723845

41° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Bambini e ragazzi - da 12 anni

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 6,38

€ 7,50

Risparmi € 1,12 (15%)

Venduto e spedito da IBS

6 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Anjin-San

    21/07/2011 18:29:02

    Da leggere. Senza alcun dubbio. Un po' "Piccolo Principe" e un po' "La strada (di McCarthy)"; questo libro è un'esperienza stupenda, consigliata a tutti, grandi e piccini.

  • User Icon

    Antonella

    11/01/2011 23:23:56

    Delicato, poetico, commovente in alcuni tratti (il bellissimo pezzo sul valore degli abbracci) ma allo stesso tempo asciutto, privo di fronzoli o smancerie, ambientato in un futuro triste ed indistinto, ma dove anche bambini sedati e trascurati sentono il bisogno di ritrovare radici e senso del vivere. Veramente bello.

  • User Icon

    gianluca guidomei

    03/03/2010 21:16:54

    Un'opera colma di pregi. Non si parla dell'amore, lo si lascia soltanto intuire; nonostante i protagonisti siano bambini e ragazzi, non c'è nessuna affettazione, nessuno sguardo buonista o atteggiamento protettivo verso di loro. Beatrice Masini ha costruito un libro visionario ed evocativo. Una post-apocalisse assolutamente credibile e plausibile, un mondo vuoto e confuso; esseri umani che cercano di rialzarsi provando a ricreare un ordine. E la svolta antropologica non può che essere una, ancora una volta: la parola, il linguaggio. Leggere il significato profondo delle parole, l'unico strumento per ricordare una vita antica e perduta, dalla quale poter trarre forza e coscienza per ricostruire. Grazie ad un libro e alle storie che racconta, i bambini capiscono che la vita non può essere una soltanto, ma che è molteplice: il segreto è immaginarla. Mi ricorda due libri molto importanti: "La strada" di Cormac McCarthy e "Cani selvaggi" di Helen Humphreys. Suscita la stessa fiducia e speranza nel "cammino" dell'opera di McCarthy; e riprende l'ambientazione in un luogo mitico ed ancestrale che è il bosco del libro della Humphreys, oltre a inserire il personaggio della bambina inselvatichita, Lu, molto simile ad una delle protagoniste di "Cani selvaggi". Ai miei occhi un ulteriore merito. E poi "Robinson Crusoe", che si rialza soltanto quando ritrovando il baule si affida alla lettura della sua Bibbia: la parola fa la differenza..."La parola trae le cose dall'ombra" (citando un vecchio libro di Diego Marani "Nuova grammatica finlandese"). Beatrice Masini ha colpito nel segno. I suoi bambini sono così primordiali, sperduti e ferini che descrivono perfettamente l'alba dell'umanità. Enchanté!

Scrivi una recensione