Il bambino bugiardo

S. K. Tremayne

Traduttore: C. Marseguerra
Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 20 aprile 2017
Pagine: 317 p., Rilegato
  • EAN: 9788811672852
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 9,12
Descrizione

Dall'autore del fenomeno passaparola "La gemella silenziosa", un nuovo thriller psicologico che trascina in un vortice di tensione.

È timido e silenzioso. Nessuno conosce i suoi pensieri. Ma è sicuro di sapere la verità.


«Arriverete con il fiato sospeso fino alle pagine finali, nel disperato desiderio di scoprire la verità.» - Sunday Mirror

«Pieno di colpi di scena e svolte, questo libro mi ha afferrato fin dall'inizio. Ho dormito con la luce accesa per diverse notti.» - Sun

«Se avete letto "La gemella silenziosa", non potete perdervi questo nuovo romanzo per nessuna ragione» - Daily Mail

La vetrata del grande salone si affaccia sul mare della Cornovaglia. Le onde s'infrangono sulla scogliera, Rachel si guarda intorno. Stenta ancora a credere che quella villa e l'intera tenuta di Carnhallow siano casa sua. Si è finalmente gettata alle spalle la sua vita tormentata grazie al matrimonio con David, un ricco avvocato londinese, e al rapporto con il figlio di lui, Jamie, un bambino timido e silenzioso, segnato dalla tragedia della morte della madre, due anni prima. La donna è rimasta vittima di un terribile incidente nelle miniere sotterranee su cui si erge Carnhallow e il suo corpo non è mai stato ritrovato. Rachel si affeziona al piccolo come se fosse suo. Ma improvvisamente il comportamento del bambino diventa molto strano. Finché una notte di tempesta, mentre lui e Rachel sono soli, le rivolge queste parole: «A dicembre morirai».

€ 14,36

€ 16,90

Risparmi € 2,54 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Davide

    19/09/2018 20:01:40

    storia con un ottimo potenziale e coinvolgente, ma un pò carente nella trama, secondo me un pò inverosimile in certi punti. In ogni caso una lettura piacevole che ti tiene incollato fino alla risoluzione del mistero.

  • User Icon

    paola

    02/05/2018 17:30:21

    noioso nella trama e nela descrzizione degli eventi c rdine della storia

  • User Icon

    Sandro

    11/01/2018 07:57:07

    Un passo indietro, anche due, rispetto al meraviglioso esordio della gemella silenziosa, in cui le vicende seguivano un filo narrativo chiuso senza lacune nel pregevole finale. Le atmosfere qui sono le medesime, lo stile anche, i temi molto simili (anche troppo), ma la trama troppe volte scivola e sbanda sulle gelide strade innevate della Cornovaglia, salvata solo da comode digressioni dettate dalla follia in cui niente è come appare, nulla è come sembra. Tramayne è bravo, sa fare di meglio. Osi avventurarsi oltre, verso sentieri mai esplorati.

  • User Icon

    Marcello

    17/12/2017 17:04:34

    Molto bello. Mi ha tenuto incollato alle sue pagine come pochi libri riescono a fare. Avvincente e con un finale tutt'altro che scontato. Vivamente consigliato a tutti.

  • User Icon

    Ombretta

    17/11/2017 07:57:14

    Questo libro è molto simile al precedente della stessa autrice. Gli ho dato tre stelle perchè la storia ha un pò più senso questa volta. Ma questa fissazione per i bambini disturbati, per le donne pazze, per gli uomini violenti....forse dovrebbe variare un pò. Il problema per me è che ci si lascia coinvolgere dalla storia ma più si va avanti più diventa inverosimile e poi si arriva alla fine con una spiegazione molto tirata per i capelli e difficile da credere. Mi è sembrata più una sceneggiatura pronta per un film. Certe situazioni possono colpire visivamente, nel leggerle invece le ho trovate ridicole.

  • User Icon

    Eleonora

    25/09/2017 06:52:26

    Ho trovato questo libro molto noioso. Si dilunga in descrizioni e storie delle miniere per buona parte del libro lasciando la trama e lo scorrere della storia in secondo piano. La storia in fondo non è poi male, il finale però è assurdo e insensato. Troppo surreale. Non lo consiglio.

  • User Icon

    Renato

    19/07/2017 19:35:01

    Un altro bel thriller dalla penna di Tremayne. Il libro è coinvolgente e affascinante come le bellissime coste della Cornovaglia. Le descrizioni dei paesaggi e degli eventi naturali intrecciati al racconto sono davvero dei piccoli capolavori. Il percorso narrativo tiene avvinto lo scrittore fin quasi alla fine, dove lascia le redini e il galoppo rallenta al trotto, quasi una piccola delusione. Certo la soluzione del racconto è valida, ma alcuni piccoli capricci narrativi non vengono svelati in un finale quasi affrettato. Comunque si legge in un giorno perché non si può fare a meno di sapere cosa succederà.

  • User Icon

    Mariangela

    10/07/2017 16:25:16

    Belle le descrizioni dei paesaggi, la trama ricca di misteri ma il finale non mi è piaciuto. Dal titolo mi aspettavo altro.

  • User Icon

    Ellison

    22/06/2017 20:20:59

    Lo ho trovato mooooolto noioso e strano ... troppe cose insensate e mio parere ... e poi nn capisco cosa c'entri il titolo con il racconto ... e' il primo che leggo di questa scrittrice e credo anche l'ultimo

  • User Icon

    Un thriller piuttosto inquietante, che evoca immagini fredde e cupe. Con descrizioni accurate, e con fare un po' dispersivo, lo scritture ci narra gli avvenimenti che precedono quel fatidico Natale di cui profetizza Jamie. Nel testo, sufficiente spazio viene dato alle storie dei minatori, che ho trovato piuttosto interessanti e che si intrecciano con le vicende raccontate. I personaggi non sono molti, ma ognuno di loro è delineato con cura.

  • User Icon

    elena

    04/06/2017 10:28:27

    bellissimo thriller psicologico, come 'la gemella silenziosa'. Fino alla fine il lettore non sa a chi credere; un crescendo di tensione e di sintomi psicologici sempre più simili alla follia. Splendido!

  • User Icon

    Maria Grazia

    30/05/2017 20:10:43

    Libro bellissimo, avvincente e coinvolgente , mi è piaciuto molto di più de " La gemella silenziosa" .

  • User Icon

    Giuly

    20/05/2017 07:52:11

    Ho letto qua e là alcuni commenti secondo i quali questo romanzo è stato giudicato inferiore, seppur di poco, a "La gemella silenziosa"; con tutto il rispetto io mi permetterei di dissentire: li pongo entrambi sullo stesso eccelso livello. Tremayne si sta rivelando maestro nel ricreare trame inquietanti ed atmosfere spettrali, cupe, misteriose. Lo stile è impeccabile, i personaggi pure; quest'autore è riuscito nuovamente a spiazzarmi e a portarmi a sospendere la lettura sempre con estrema riluttanza. Complimenti!

Vedi tutte le 13 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione
178 giorni prima di Natale

Mattina
I tunnel scendono profondi sotto il mare. È un pensiero che non riesco a togliermi dalla testa. I tunnel scendono profondi sotto il mare. Un miglio e forse più. Sono qui nel Soggiorno vecchio, dove le finestre della mia enorme casa nuova si affacciano a nord, verso l'atlantico, verso le scogliere della penisola di Penwith, verso le ombre che si stagliano nell'oscurità. Quelle due sagome ravvicinate costituiscono la miniera di Morvellan: sono l'edificio del pozzo e la cabina elettrica. Persino in una giornata di giugno come oggi, senza una nuvola, le rovine di Morvellan hanno un'0aria triste e misteriosa, o forse carica di rimproveri. È come se cercassero di dirmi qualcosa, ma non potessero o non volessero. Il loro silenzio è eloquente, mentre la risacca impetuosa dell'Atlantico si infrange sopra i tunnel con un frastuono assordante. «Rachel?» Mi giro. Il mio novello sposo è fermo sulla soglia, la camicia bianchissima, l'abito immacolato, scuro quasi quanto i suoi capelli, la barba del weekend sparita. «Ti ho cercato dappertutto, tesoro.» «Scusa, ero qui in giro, a esplorare la tua bellissima casa.» «La nostra casa, tesoro. Nostra» Lui mi sorride, si avvicina e ci baciamo. È un bacio del buongiorno, un bacio prima di andare al lavoro, non porta più lontano, eppure riesce a eccitarmi, mi mette addosso un brivido di piacere e mi fa quasi paura che una persona abbia un simile potere su di me, un potere che in qualche modo sono ben felice di accettare. David mi prende la mano.