Categorie
Traduttore: B. Berni
Editore: Fazi
Anno edizione: 2010
Pagine: 376 p.
  • EAN: 9788864111230
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 11,10

€ 18,50

Risparmi € 7,40 (40%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

€ 9,99

€ 18,50

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Stefi

    07/04/2016 13.36.26

    Ho preso questo libro per caso, dopo che mio marito mi ha segnalato un bel film con questo titolo, sulla Shoah. Nessuna traccia del film, se non una produzione Rai per la tv. Ma c'era questo libro, con lo stesso titolo. Ben presto mi sono resa conto che non aveva nulla a che fare con la Shoah ma è un thriller ambientato in Danimarca. Una palla mostruosa! Giocato su storie parallele - un capitolo sì uno no - ma dopo metà libro non avevo ancora capito molto! Lento da morire... e l'ho abbandonato. Penso di non aver mai letto un libro più banale e noioso.

  • User Icon

    alessia

    03/11/2011 18.25.48

    Io l'ho trovato coinvolgente anche se i nomi nordici mi confondono parecchio....!!!

  • User Icon

    Lisa

    09/07/2011 08.38.16

    Mah, non mi ha convinta. Il tema è decisamente da stretta al cuore ma, vine trattato in modo leggero, senza emozioni, coinvolge poco.

  • User Icon

    Laura

    21/03/2011 10.33.03

    Thriller appassionante in cui le varie storie e i pezzi dell'intreccio si incastrano tutti in fondo, come un puzzle che non mostra il disegno, finché non si sono messe le ultime tessere. Nella narrazione emergono le miserie di vite al margine, l'indifferenza della maggioranza, la missione di "salvare il mondo" di pochi, la totale sfiducia nelle istituzioni di tutti. Ed emergono una serie di personaggi femminili: la disperazione fattiva di Sigita, l'ostinazione di Nina, la disillusione di Marija, la determinazione di Anne, la solitudine di Karin, l'illusione di Barbara. Gli uomini rimangono sullo sfondo meschini, come Jan, violenti come Jucas, assenti, come Darius.

  • User Icon

    Donatella

    29/01/2011 16.10.23

    Il libro inizialmente promette bene con una trama che ha tutte le prerogative per essere avvincente, ma poi, a mio parere,diventa un po' sconclusionato con un finale un po' sbri gativo.

  • User Icon

    claudia

    18/12/2010 09.53.34

    Ha ragione Sylvia: il libro all'inizio sembra un pò caotico, ma rispecchia perfettamente i fatti di cronaca attuali; d'altronde se la vita è quasi sempre caotica e non generosa, in certi paesi diviene mostruosa ed invivibile. Il coraggio di viverla può essere offerto attraverso il prossimo, quei semplici gesti di umanità che ci accomunano e che addolciscono il nostro cammino....ed infondono la speranza che può "sciogliere il mostro". Un libro, scritto con il tipico "stile nordico", che nella sua veritiera crudeltà lancia un indiscutibile significato morale e vale la pena di leggerlo fino in fondo

  • User Icon

    koki

    19/09/2010 11.17.25

    molto avvincente

  • User Icon

    sylvia picca

    02/09/2010 18.49.18

    Questo libro è drammaticamente bello.Quando ho iniziato a leggerlo,mi sono destreggiata fra quei frammenti di vite che vengono presentate brevemente,sempre chiedendomi chi avrebbe fatto qualcosa a chi.Chi la vittima,dove il male. Queste brevi "presentazioni" sembravano gli arti un po scoordinati di un pupazzo che stenta a camminare.Poi,quando la storia prende il largo,ho capito che erano gli arti di un mostro.E per tutta la lettura mi sono tormentata pensando a quanta verità si celava in quella storia.Un libro davvero bello,si può ragionare molto su come siamo ridotti.Lo consiglio veramente.

  • User Icon

    oriana

    30/08/2010 11.20.46

    diciamo che in sè per sè la storia è originale, ma purtroppo a distanza di mesi non è un libreo del quale ricordo qualcosa....quindi

Vedi tutte le 9 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione