Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Il bambino e il poliziotto

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Regia: Carlo Verdone
Paese: Italia
Anno: 1989
Supporto: DVD

55° nella classifica Bestseller di IBS Film Film - Bambini e ragazzi - Film bambini e ragazzi

Salvato in 24 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 9,19 €)

Dopo aver arrestato una ragazza per droga, il commissario Carlo Vinciguerra si trova costretto a prendersi cura di Giulio, il bambino della giovane, rimasto solo.
2,38
di 5
Totale 8
5
1
4
2
3
0
2
1
1
4
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    m.rebecca

    25/09/2019 11:02:27

    Uno dei più bei film di Verdone. Sensibile e garbato, riesce ad affrontare temi complicati con una tenera e delicata ironia. Ottimo

  • User Icon

    Osvaldo

    24/09/2019 23:57:37

    Il commissario di polizia Carlo Vinciguerra indaga su un traffico di droga che lo porta ad effettuare una retata a casa di Rosanna Clerici, ex tossicodipendente: arresta la donna e altre persone, ma da una stanza sbuca il piccolo Giulio, figlio di Rosanna. Carlo decide di portarlo dalla portiera per la notte. La mattina seguente però il commissario si trova il ragazzino sulla porta di casa.

  • User Icon

    fabrizio

    28/05/2019 09:21:50

    veramente noioso. Protagonista principale in caduta libera. Sconsigliato

  • User Icon

    Fabio

    05/04/2018 21:41:13

    Molto bello e carino. Troppo simpatico il bambino protagonista.

  • User Icon

    Ernesto

    16/04/2013 21:50:39

    In questo film di Carlo, di Vinciguerra è rimasto solo il cognome, perche quì oltre alla "guerra" con il bambino, Verdone ha perso anche la faccia. E nel modo peggiore.

  • User Icon

    JD

    09/05/2009 21:52:01

    Uno dei film meno riusciti di Verdone.C'è più serietà del solito,ma anche più prevedibilità.La mancanza della consueta spalla comica si fa sentire,e il piccolo Rizzo non è proprio il massimo in simpatia.Pessime sequenze d'azione.

  • User Icon

    ponce77

    24/10/2006 21:46:30

    il peggior film di Verdone in assoluto, subito dietro gallo cedrone,rovinato ulteriormente dalla voce irritante del bambino

  • User Icon

    rob

    29/09/2006 10:31:44

    Nulla a che vedere col Verdone brillante e caustico che conosciamo dai tempi di "Bianco rosso..." per arrivare a "Viaggi di nozze passando per "Borotalco". Sconsigliato a chi ama il "Verdone vero"!

Vedi tutte le 8 recensioni cliente
  • Produzione: Cecchi Gori Home Video, 2006
  • Distribuzione: Mustang
  • Durata: 106 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: Widescreen
  • Area0
  • Contenuti: biografie
  • Carlo Verdone Cover

    Carlo Verdone, nato a Roma nel 1950, è attore, regista, sceneggiatore. Figlio del celebre storico del cinema Mario Verdone, Carlo consegue, nel 1974, il diploma di regia al Centro Sperimentale di Cinematografia, sotto la direzione di Roberto Rossellini. Nel 1975 si laurea in Lettere Moderne, presso l’Università di Roma La Sapienza, con una tesi su “L’influenza della letteratura italiana sul cinema muto”. Tra il 1970 e il 1975 realizza cortometraggi sperimentali in super8 (Poesia solare, Allegoria di primavera, Elegia notturna) e documentari (Il castello nel paesaggio laziale, L’Accademia Musicale Chigiana). Dopo alcune esperienze teatrali in ambito universitario, nel 1977 esordisce sul palcoscenico con lo spettacolo Tali e quali (Teatro Alberichino),... Approfondisci
  • Carlo Verdone Cover

    Carlo Verdone, nato a Roma nel 1950, è attore, regista, sceneggiatore. Figlio del celebre storico del cinema Mario Verdone, Carlo consegue, nel 1974, il diploma di regia al Centro Sperimentale di Cinematografia, sotto la direzione di Roberto Rossellini. Nel 1975 si laurea in Lettere Moderne, presso l’Università di Roma La Sapienza, con una tesi su “L’influenza della letteratura italiana sul cinema muto”. Tra il 1970 e il 1975 realizza cortometraggi sperimentali in super8 (Poesia solare, Allegoria di primavera, Elegia notturna) e documentari (Il castello nel paesaggio laziale, L’Accademia Musicale Chigiana). Dopo alcune esperienze teatrali in ambito universitario, nel 1977 esordisce sul palcoscenico con lo spettacolo Tali e quali (Teatro Alberichino),... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali