Banchieri e principi. Moneta e credito nell'Europa del Cinquecento

Traduttore: C. Rosso
Editore: Einaudi
Anno edizione: 1991
In commercio dal: 1 gennaio 1997
Pagine: XIII-370 p.
  • EAN: 9788806125523
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 16,69

€ 19,63

Risparmi € 2,94 (15%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Banchieri e principi nasce dalle ricerche storiche di tre economisti sulle origini dei moderni sistemi bancari. Queste in particolare sono fatte risalire al sedicesimo secolo, epoca che vede le prime interrelazioni tra la moneta pubblica, centrale, emessa dai principi, e le forme di moneta privata, creditizia, istituite dai grandi banchieri europei, sopratutto italiani. Questi sistema si estende a tutta l'Europa occidentale, regolato dagli incontri in occasione delle grandi fiere internazionali di Lione in cui le monete metalliche e le lettere di credito si scambiano secondo le regole fissate da un piccolo numero di banche familiari italiane. Il libro descrive il sistema e la sua evoluzione che lega strettamente le fortune dei principi a quelle dei banchieri: i primi, come è noto, dipendono sempre più dai secondi per finanziare i propri Stati, mentre i secondi sono condizionati in modo crescente dalla politica monetaria, che può determinare conseguenze decisive sui profitti dell'attività finanziaria. Il sistema entra in crisi profonda quando la concorrenza tra genovesi (legati ala Spagna) e toscani (legati alla Francia) si sovrappone alla rivoluzione dei prezzi di fine Cinquecento e alla crisi generale di tutte le attività imprenditoriali e finanziarie.