Battle Royal. Duke Ellington Meets Count Basie - Vinile LP di Duke Ellington,Count Basie

Battle Royal. Duke Ellington Meets Count Basie

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Wax Time
  • EAN: 8436028699971

Nella lista dei desideri di 1 persona

€ 20,50

Punti Premium: 21

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
VINILE

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 20,50 €)

L’album “Battle Royal - Duke Ellington Meets Count Basie” (Columbia CS8515) rappresenta l'unica collaborazione mai registrata da questi due leggendari musicisti e direttori d’orchestra. Nonostante si parlasse molto della loro rivalità, Duke Ellington e Count Basie erano amici intimi e si ammiravano reciprocamente. Si conoscevano fin da giovani e in più di un’occasione hanno condiviso lo stesso palco, tuttavia questa rappresenta la loro unica registrazione insieme. Come bonus è stata aggiunta una traccia (One More Once) registrata nel corso della stessa sessione, ma non apparsa sull’Lp originale.
  • Duke Ellington Cover

    Propr. Edward Kennedy Ellington. Pianista, compositore, direttore d'orchestra e arrangiatore statunitense di jazz. Nel 1923 costituì il complesso degli Washingtonians, che risentiva di influenze ragtime e New Orleans. Nel '26 rinnovò e ampliò l'orchestra creando, con composizioni originali, un nuovo linguaggio basato sul perfetto equilibrio strutturale tra discorso orchestrale e improvvisazione solistica. Già nei primi lavori, caratterizzati dai caldi e aggressivi timbri dello stile «jungle» (in cui emergono la tromba e il trombone con sordina, rispettivamente di Bubber Miley e Joe Tricky Sam Nanton), si delinea il gusto tipico della cultura nero-americana, che permane anche negli influssi colti occidentali, soprattutto impressionistici, degli anni '30. Nel decennio successivo (cui appartiene... Approfondisci
  • Count Basie Cover

    Propr. William, detto Count Basie. Pianista e direttore d'orchestra statunitense di jazz. Alla scomparsa di Bennie Moten ne ereditò, nel 1935, l'orchestra, facendone la migliore del periodo Swing per la trascinante foga ritmica e l'ampio spazio concesso ai solisti (fra i quali Lester Young, Buck Clayton, Herschel Evans, Dickie Wells, Jo Jones). Personale e importante anche lo stile pianistico di B., di elegante, incisiva semplicità. Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali