Editore: Feltrinelli
Collana: I narratori
Anno edizione: 2011
Pagine: 92 p., Brossura
  • EAN: 9788807018312
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 4,86

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Uno spettro s'aggira per il Salone del libro e forse l'avete già incontrato. A dire il vero, somiglia più a un folletto o a uno spiritello dispettoso, con quella candida capigliatura da sempre ribelle a ogni ordine costituito e resistente a ogni pettine autoritario. È arrivato con il suo seguito, un nugolo di donne stravaganti, maleducate e lunatiche, che lui riconosce come Beatrici. Per non farvi stare troppo sulle spine, sciogliamo subito l'enigma: si parla di Stefano Benni e dei personaggi del suo ultimo lavoro, trascrizione di uno spettacolo andato in scena al Teatro dell'Archivolto di Genova con lo stesso titolo.
Otto monologhi inframmezzati da canzoni e ballate a volte mai cantate, come l'ultimo, malinconico congedo che l'amico Fabrizio De André non fece in tempo a musicare. Un'occasione, secondo Benni, per mostrare al pubblico che la luce bluastra della televisione lascia in ombra una quantità enorme di attrici brave e meritevoli, più belle e "vere" delle più note starlette del piccolo schermo. A noi, che leggiamo i testi senza l'aiuto delle voci e dei corpi di quelle giovani attrici, resta la possibilità di creare la nostra regia personale, intonare nel silenzio della lettura il monologo di Beatrice, adolescente fiorentina stufa di dover aspettare quel Canappione di Dante mentre c'è quel fusto di Battistone, ben fornito e focoso giocatore di pallone. Forse, potendo scegliere che personaggio interpretare, la nostra scelta cadrà sulla Mocciosa, che vuole farsi intervistare perché la sua amica ha accoltellato la madre, oppure sulla Presidentessa, parodia di una nota imprenditrice, che ha risolto il problema degli esuberi cucinando e servendo agli ospiti i propri operai trasformati in un'ottima zuppa, o forse ci verrà da intonare le frasi accaldate e vogliose di Filomena, la "monaca indemoniata" che ha dovuto prendere gli ordini a forza, mentre le altre sorelle sono andate in filanda o a battere il marciapiede. In fondo, tra le note di molte paradossali canzoni, sono le parole dell'Attesa, della Vecchiaccia e di Mademoiselle Lycanthrope quelle che ci intrigano di più, per la loro lirica crudezza, per il ritratto di una femminilità che non ha vergogna di essere una volta tanto politicamente scorretta, graffiante e sincera. Così come rimaniamo incantati da Vòlano, il racconto dove lo stile più autentico di Benni prende la via di Zavattini: qui, tra i palazzi dove le luci blu delle televisioni illuminano il mondo, decine di vecchi e un bambino, abbandonati davanti allo schermo perché non si sentano soli, decidono di aprire le finestre e volare via.
Certo, è pur sempre la penna di un uomo che dà voce a queste Beatrici irriverenti, sedute sul ciglio della cattiva strada più che sulla via che porta all'Empireo. Eppure, tra le ipocrisie retoriche e i degradanti sguardi che uomini e ominicchi di varia statura dedicano ultimamente alle donne, la parola teatrale e la risata di queste figure salvifiche, coraggiose, reiette e licantrope ci cattura come gesto politico e come atto di resistenza.
Stefano Moretti

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Egome

    27/03/2015 17:36:57

    Il 'libretto' (nel doppio significato di libro con poche pagine e di libro di scarsa consistenza) non ti lascia molto ... Si salvano la poesia 'Amour Monet' e la 'Canzone dell'amor rifatto', originali e simpatiche. Il resto un po' truce e poco gratificante

  • User Icon

    sara

    13/05/2013 12:18:25

    una lettura piacevole, breve ma simpatica; si tratta di 8 brevi monologi teatrali e quindi non appassionano certo come un romanzo, ma comunque ben scitti dall'abile mano di Benni.

  • User Icon

    Maria Teresa

    30/07/2012 11:54:05

    Libro breve ma assolutamente ricco di stati d'animo; si passa dal riso al pianto, dalla leggerezza allla riflessione nel giro di poche pagine. Da leggere.

  • User Icon

    Demon Black

    19/02/2012 09:54:59

    ...letto giusto perchè è piccolo ed era uno dei libri che mi sono portata in vacanza :( francamente non mi è piaciuto, l'ho trovato un pò noiosetto :(

  • User Icon

    Gabriella

    06/06/2011 14:59:18

    davvero simpaticissimo! Non è certo un libro che può spingere alla riflessione o che smuove tenerezza, ma è davvero un libro spassoso, che ti fa sorridere e ti per,ette per un po' di svagarsi! Lo consiglierei!

  • User Icon

    Cristiano

    03/03/2011 17:10:09

    Siamo ben lontani dalla bellezza dei "vecchi" libri di Stefano Benni. Comici spaventati guerrieri, Baol, Terra, Bar Sport, Il bar sotto il mare. Nonostante questo mi è sembrato una lettura piacevole, soprattutto la seconda parte del libro.

  • User Icon

    Sergio

    09/02/2011 09:51:11

    Librettino un po' esile di monologhi teatrali al femminile, ma di uno Stefano Benni veramente in stato di grazia sia nei brnai divertenti (Suor Filomena), sia nelle mazzate date al fegato di chi, nonostante i tempi, ha ancora un po' di sentimenti (Vecchiaccia). Godibili anche le poesiole.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione