Belle parole. I grandi discorsi della storia dalla Bibbia a Paperino

Ferdinando Sallustio

Editore: Bompiani
Collana: Tascabili
Anno edizione: 2004
Formato: Tascabile
In commercio dal: 5 maggio 2004
Pagine: 439 p., Brossura
  • EAN: 9788845211430
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Lucia

    23/06/2018 00:18:33

    Un libro bellissimo, ispirato e di ispirazione. L'autore è una persona di grande cultura e sensibilità che ha messo insieme i discorsi più belli di sempre (escludendo quelli più recenti), senza preoccuparsi di mescolare la Bibbia con Paperino, perché le belle parole sono ovunque, basta saperle trovare. Da leggere!

  • User Icon

    Andrea Ferrari

    12/07/2004 15:43:25

    Nel grande supermercato televisivo Ferdinando Sallustio, telecampione del quiz Passaparola condotto da Gerry Scotti su Canale 5, ha rinverdito i fasti degli Inardi e delle signore Longari, divenendo dopo 95 puntate (nelle quali ha vinto 137mila euro, sette orologi, cinque viaggi, cinque pellicce, quattro gioielli e una penna di lusso) un personaggio gramscianamente nazional-popolare. Sallustio, curiosamente, nell’introduzione sbaglia la data del discorso con cuiMussolini annuncia l’entrata in guerra dell’Italia, 1949 anziché 1940, un refuso o una sorta di errore volontario per “impreziosire” il volume e stemperare la naturale saccenza dell’autore? Piccoli misteri di carta. I discorsi proposti, ognuno preceduto da una scheda sul personaggio e sul contesto storico, vanno da Gesù, fino a Cicerone, Maometto, San Francesco, Savonarola, Robespierre, Foscolo, Garibaldi, Giovanni Paolo II (“Se mi sbaglio mi corriggerete”) e molti altri ancora. 420 pagine di discorsi sparpagliati nel tempo e nello spazio che non hanno nessun comun denominatore se non il fatto di avere rappresentato altrettanti momenti di formazione per Sallustio stesso. di là dell’intento ambizioso, l’autore ha confezionato una sorta di “blob” cartaceo nel più puro stile televisivo, dove non esistono confini di genere e tutto si tiene. Una superficialità che è autentica testimonianza della cultura mediatica dei quarantenni di oggi, figli del boom economico, tagliati fuori dai miti degli anni ’70, non completamente assimilati ai trionfi della “Milano da bere”. Sallustio, cresciuto nell’edicola-cartoleria dei genitori, con questo libro porta a sintesi l’onnivora, nel suo caso enciclopedica, formazione di questo pezzetto d’Italia, piccola borghesia impiegatizia alle prese con il mutuo da pagare, che si compiace che almeno il tele campione possa estinguerlo con i soldi piovuti dal cielo turchino della televisione.

Scrivi una recensione