Bellezza e tristezza

Yasunari Kawabata

Traduttore: A. Suga
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2007
Formato: Tascabile
In commercio dal: 24 gennaio 2007
Pagine: 176 p.
  • EAN: 9788806187422
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,67

€ 8,92

€ 10,50

Risparmi € 1,58 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    alida airaghi

    17/10/2018 16:36:23

    In questo romanzo che Yasunari Kawabata pubblicò nel 1964, “Bellezza e tristezza” si intrecciano fondendosi a vicenda, quasi trascolorando l’una nell’altra, come evidenzia efficacemente il titolo. L’incanto e l’eleganza dei luoghi e della natura, dei visi e dei gesti, sembrano compenetrati di malinconia, sia nei lunghi silenzi dei personaggi (carichi a volte di rassegnazione, a volte di tensione se non addirittura di violenza), sia nelle loro azioni, determinate spesso da un destino imperscrutabile e severo. Gli interni delle abitazioni, degli alberghi, dei templi, dei treni sono oppressi da un senso di fredda immobilità, e si impongono con costrizione su chi li occupa: mentre tutte le descrizioni degli ambienti esterni mantengono una loro rasserenante e protettiva ariosità, quasi invitando i protagonisti a uscire da se stessi e dalle prigioni sentimentali in cui si sono volontariamente rinchiusi. Si tratta infatti di una storia di amori e rancori, tradimenti e vendette, in cui però anche la crudeltà morale riesce ad assurgere a una dimensione di degna grandezza. Kawabata è abile nel far risaltare soprattutto il meccanismo psicologico che imprigiona i protagonisti in una sorta di gioco sadico, in cui un po’ tutti si rivelano vittime e contemporaneamente carnefici, in preda a passioni da cui non riescono a liberarsi, per viltà, per gelosia, per inconfessabile odio represso.

  • User Icon

    Aurora

    21/09/2018 07:12:14

    Credo che il titolo di quest'opera racchiuda già in sé tutta la storia; quando il passato torna a bussare alla tua porta, non puoi fare altro che lasciarlo entrare , portando a galla vecchie ossessioni e vecchi amori, intrecciando più vite e creando legami insoliti e sensi di vendetta. Credo che questo libro di Kawabata Yasunari sia una piccola perla, veloce da leggere essendo abbastanza breve, è un'esplosione di emozioni!

  • User Icon

    Giorgio Chiarot

    22/01/2009 17:04:42

    Telenovela melensa, ripetitiva,tirata per i capelli. I personaggi (3) girano attorno a degli stati d'animo irrisolti senza sviluppare una trama vera e propria e quel poco che c'è viene interrotto da continue e fastidiose parentesi sull'arte, sulla storia dell'arte e sulla storia vera e propria del Giappone. Anche la traduzione lascia a desiderare. Deludente.

  • User Icon

    ladybrett

    21/10/2008 08:54:32

    non c'è molto da dire quando la letteratura rasenta la perfezione sia stilisticamente, sia nei contenuti. con un intreccio 'semplice' ma al contempo inquietante, un viaggio nelle pulsioni profonde che rimane indimenticabile. un cerchio che si chiude attorno al soggettivo egoismo dei sentimenti, al potere della tentazione, alla fatale attrattività dell'ignoto.

  • User Icon

    Sherazade

    22/12/2007 17:56:23

    letto parecchi anni fa, un gioiellino per gli amanti del genere

  • User Icon

    Chiara

    16/07/2007 23:16:07

    Sublime!

  • User Icon

    marta scattoni

    07/02/2007 19:14:25

    Un continuo e sfumato passaggio dal presente al passato delle vite individuali dei protagonisti domina questo romanzo, il cui oggetto è il teso e delicato svolgersi di amori, ossessioni amorose e crudeli seduzioni portate infine all’estremo. Mirabile il senso estetico di Yasunari Kawabata che riesce a descrivere la natura e la bellezza umana quasi alla maniera di un soave dipinto ad acquerello: nonostante la conturbante sensualità che pervade l’intero romanzo raramente le tinte ed il tono dello scrittore diventano “forti” e troppo vigorose, perché si tratta di un tipo di sensualità sottile e quasi distaccata (nonostante la presenza di particolari erotici concreti ed espliciti) da se stessa, sensualità molto orientale se si vuole concedere tale semplificazione…piuttosto lampeggiano improvvisamente solo bagliori di violenza (mista ad un po’ di compiaciuto sadismo) passionale a tingere di schizzi di rosso la rappresentazione a tenui tonalità pastello della levità del “fiore che scorre con il fluire dell’acqua” o dell’aria profumata nelle notti d’estate lungo il fiume (in “Bellezza e tristezza” la descrizione della sensazione olfattiva ha molto rilievo).

  • User Icon

    eli

    20/02/2005 20:02:48

    Concordo con vanni, la storia subisce qualche caduta di tono che tuttavia non fanno perdere la magia del racconto.Inquietante l' alunna di Otoko...Quando l' autore descrive le sue opere, a metà tra l'astrattismo e il surrealismo, mi ha fatto pensare ad un quadro di dalì...mi dispiace solo che questo grande autore si poco conosciuto in italia, come del resto tutta la letteratura giapponese. Vi consiglio anche "la casa delle belle addormentate", con il quale vinse il Nobel.

  • User Icon

    Giorgio

    05/04/2003 17:59:18

    Lentezza sontuosa, immagini che diventano metafisica e vita profonda. Qualcosa di bello e di profondossimo, con uno stile inconfondibile. Meraviglioso!

  • User Icon

    vanni

    13/01/2003 12:23:26

    Struggente riflessione sulla forza del ricordo e sulla caducità della bellezza. Anche se la storia ha qualche caduta di ritmo (i lunghi dialoghi tra Otoko e Keiko sulla gelosia), lo stile di Kawabata è straordinariamente intenso. Un autore poco noto in Italia, da riscoprire.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione