Bert's Playgorund

Artisti: Ari Hoenig
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Dreyfus
Data di pubblicazione: 22 settembre 2008
  • EAN: 3460503691926
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 5,31

€ 5,90

Risparmi € 0,59 (10%)

Venduto e spedito da IBS

5 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
Descrizione

"Quando sono nella mia musica, un estraneo prende il controllo della mia coscienza e della mia concentrazione." Così Ari Hoenig descrive la sua empatia con la musica. Un rapporto profondo e quasi viscerale come dimostra il suo nuovo disco per la Dreyfus Records: “Bert’s Playground”. Ari Hoeng ha iniziato a suonare la batteria a metà degli anni ‘80 ascoltando musica rock e pop. I suoi primi approcci al jazz sono influenzati da due giganti come Philly Joe Jones e Max Roach, uno dei maestri del Bebop. Ma Hoenig è rimasto aperto a tutti gli influssi: punk, reggae, metal, funk, hip-hop, house. Da questa miscela è nata una cifra stilistica unica supportata in occasione di questo disco da un gruppo eccezionale: Chris Potter al sax tenore, Jonathan Kreisberg o Gilad Hekselman alla chitarra, Matt Penman o Orlando LeFlemming à la basse e Will Vinson al sax contralto. La scelta dei temi è molto equilibrata: il 50% di composizioni originali e il 50% di standard, classici più tradizionali (Gershwin e Jerome Kern) e più moderni (Thelonious Monk, John Coltrane, Wayne Shorter). Altrettanto equilibrata è l’interpretazione sia delle melodie più oniriche ( "The Way You Look Tonight", "Fall", "Embraceable You") sia dei pezzi più mossi e coinvolgenti ( "Green Spleen", "Moment's Notice" ). Ari Hoenig gioca su tutta la gamma sonora a sua disposizione, lasciando ampia libertà ai suoi collaboratori, assumendo un vero ruolo solista (una vera e propria lezione di batteria) solo sull’intramontabile “Round Midnight”. Per tutta la durata del disco l’atmosfera è armoniosa e rilassata; sono banditi i vani virtuosismi. Il batterista-leader guida il suo gruppo nell’esplorazione di nuovi suoni. Il jazz è il cuore della sua espressione artistica, ma Hoenig vi apporta il suo contributo personale prendendo punto dalle ritmiche della musica improvvisata da strada (hip-hop, funk…).