La biblioteca dell'anatomista

Jørgen Brekke

Traduttore: A. Storti
Editore: TEA
Collana: Teadue
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
Pagine: 366 p., Brossura
  • EAN: 9788850234349
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Bergen, Norvegia, 1528. Il frate aveva giurato che non avrebbe più messo piede in quella terra maledetta: la terra della sua infanzia, la terra della sua sofferenza. Ma è lì che si trovano i pregiatissimi coltelli che sta cercando da anni, gli strumenti che hanno permesso al suo maestro, Alessandro, di diventare il più celebre anatomista dell'epoca. Per aiutarlo a ottenere una simile gloria, il frate ha dovuto pagare un prezzo altissimo. E ora è giunto il tempo della vendetta. Richmond, Virginia, oggi. Efrahim Bond, il curatore dell'Edgar Allan Poe Museum, ha appena fatto una scoperta sensazionale, che potrebbe risollevare le sorti della sua carriera. Ma i documenti relativi a quel testo arrivato dalla Norvegia saranno l'ultima cosa che vedrà prima di essere messo a tacere per sempre. Trondheim, Norvegia, oggi. È la seconda volta che Jon Vatten è sospettato di omicidio. Cinque anni fa, grazie a un alibi di ferro, è riuscito a dimostrare di non essere il responsabile della morte della moglie e del figlio. Adesso invece è diverso. Perché la vittima è una sua collega, la bibliotecaria Gunn Brita Dahle, e lui è stato l'ultimo a vederla viva e il primo a scoprire il cadavere. Ma Vatten non avrebbe mai potuto commettere quel delitto: la donna, infatti, è stata uccisa seguendo un metodo particolare, un metodo descritto in un enigmatico manoscritto del XVI secolo, il Libro di Johannes, che ora è misteriosamente scomparso...

€ 5,00

€ 10,00

Risparmi € 5,00 (50%)

Venduto e spedito da IBS

5 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 7,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Standbyme

    16/10/2013 09:25:39

    PRIMA PARTE Due efferati omicidi, uno all'interno dell'Edgar Allan Poe Museum a Richmond, Virginia l'altro nella prestigiosa biblioteca di Trondheim, Norvegia. Ciò che accomuna i due fatti di sangue non sono solo gli edifici, ambedue dedicati alla cultura, ma soprattutto l'identica modalità di esecuzione, modalità che non vi svelerò per non farvi perdere la sorpresa e il "piacere" di scoprirla. Sono certo che anche i lettori più avvezzi a queste situazioni gireranno gli occhi dall'altra parte quando si troveranno di fronte ai due cadaveri. Tra questi due scenari contemporanei, ma lontani migliaia di chilometri tra di loro, se ne incastra un terzo, vicino al secondo ma lontano nel tempo: poco più di cinque secoli, nella Norvegia toccata dalla riforma luterana. Interessante è il confronto tra le due squadre investigatrici: dall'altra parte dell'Atlantico sembra esserci più cameratismo, nel paese scandivano l'ispettrice capo della polizia formula ordini secchi e diretti senza alcuna empatia. Qualche ingenuità da entrambe le parti come quella di non pensare di utilizzare Internet, per scoprire se vi sono stati altri omicidi con le stesse modalità. Non penso di svelare nulla se, come è logico che sia, una detective volerà fino in Norvegia per collaborare nelle indagini e per aiutarsi reciprocamente. Suggestive sono le vicende che hanno luogo nel XVI secolo: troviamo personaggi storici, anche se poco conosciuti, che hanno gettato le prime solide fondamenta dell'anatomia moderna e che hanno fatto costruire i primi teatri anatomici.

  • User Icon

    Maurizio Ciarlatani

    14/10/2012 14:12:41

    Sono arrivalo alla fine solo per curiosità. L'ho trovato gratuitamente macabro e mi hanno causato non pochi problemi quei continui salti di tempo e di luogo che, lungi dal creare aspettative, creavano confusione.

  • User Icon

    Ste2367

    11/07/2012 14:16:19

    Premetto di non essere un critico e manco aspiro a esserlo...leggo solo per il gusto di farlo...detto questo...libro piacevole, scorrevole, scritto in modo semplice e chiaro...storia originale...poca suspense ma piuttosto una regolare "atmosfera di tensione" lunga tutto il racconto.Sicuramente da leggere per chi ama il genere.

  • User Icon

    Mauro

    02/07/2012 11:45:41

    Ben scritto, trama e racconto in molte parti davvero ben rusciti. Una lettura piacevole, di poco impegno ma molto gratificante e coinvolgente.

  • User Icon

    Mattia

    13/05/2012 02:21:37

    Libro interessante, personaggi ben caratterizzati; l'idea di base non è molto innovativa e il romanzo cavalca l'onda dei thriller storici ormai troppo diffusi, ma libro piacevole e scorrevole, macabro e crudo in certi punti ma mai pesante e con un buon ritmo

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione