Black, Brown and Beige (180 gr.)

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Wax Time
Data di pubblicazione: 1 dicembre 2017
  • EAN: 8436559463454
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 15,90

Punti Premium: 16

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
VINILE
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Edizione in Vinile 180 gr.
La suite “Black, Brown and Beige” ha come protagonista la voce struggente Mahalia Jackson sostenuta dall'orchestra di Duke Ellington. La storia di “Black, Brown & Beige” inizia il 23 Giugno 1943, quando Duke Ellington presenta in anteprima questo lavoro alla Carnegie Hall. La maggior parte dei critici non riusciva ad accettare l'idea di Ellington come compositore di lunghe opere orchestrali e preferiva confinarlo nell’ambito dei brani jazz. Non a caso da allora in poi Ellington eseguì solo frammenti di “Black, Brown & Beige” durante i suoi nella metà degli anni Quaranta, e non esiste alcuna testimonianza di un’esecuzione anche parziale di questa opera tra il 1947 e il 1958, anno di realizzazione dell’album qui proposto. L'album si apre con una rielaborazione strumentale ampliata dei due temi più importanti dell’opera: “Come Sunday” and “Work Song”. Mentre il lato B è dedicato all’opera vera e propria a cui la voce di Mahalia Jackson dà una dimensione emotiva unica.
Disco 1
1
Part I (“Work Song”)
2
Part II (“Come Sunday”)
3
Part III (Aka “Light”)
4
Part IV (“Come Sunday”) Featuring Mahalia Jackson
5
Part V (“Come Sunday Interlude”) Featuring Ray Nance
6
Part VI (23rd Psalm) Featuring Mahalia Jackson
7
Part IV (“Come Sunday”) Featuring Mahalia Jackson [Alt Tk]
8
Part V (“Come Sunday Interlude”) Featuring Ray Nance [Alt Tk]
9
Part VI (23rd Psalm) Featuring Mahalia Jackson [Alt Tk]
  • Duke Ellington Cover

    Propr. Edward Kennedy Ellington. Pianista, compositore, direttore d'orchestra e arrangiatore statunitense di jazz. Nel 1923 costituì il complesso degli Washingtonians, che risentiva di influenze ragtime e New Orleans. Nel '26 rinnovò e ampliò l'orchestra creando, con composizioni originali, un nuovo linguaggio basato sul perfetto equilibrio strutturale tra discorso orchestrale e improvvisazione solistica. Già nei primi lavori, caratterizzati dai caldi e aggressivi timbri dello stile «jungle» (in cui emergono la tromba e il trombone con sordina, rispettivamente di Bubber Miley e Joe Tricky Sam Nanton), si delinea il gusto tipico della cultura nero-americana, che permane anche negli influssi colti occidentali, soprattutto impressionistici, degli anni '30. Nel decennio successivo (cui appartiene... Approfondisci
  • Mahalia Jackson Cover

    Cantante statunitense di gospels e spirituals. Con timbro drammaticamente solenne e grande incisività ritmica conferì una più moderna espressività al tradizionale canto religioso nero-americano, imponendosi come la voce più popolare e, insieme, la più sincera e intensa. Ha registrato anche con Duke Ellington (Black, brown and beige, 1958). Approfondisci
Note legali