The Book of Tea

The Book of Tea

Kakuzo Okakura

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Formato: PDF
Testo in en
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 285,44 KB
  • EAN: 9788832530063
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 3,99

Punti Premium: 4

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

The Book of Tea by Okakura Kakuzo (1906) is a long essay linking the role of chado (teaism) to the aesthetic and cultural aspects of Japanese life.

Addressed to a western audience, it was originally written in English and is one of the great English tea classics. Okakura had been taught at a young age to speak English and was proficient at communicating his thoughts to the Western mind. In his book, he discusses such topics as Zen and Taoism, but also the secular aspects of tea and Japanese life. The book emphasizes how Teaism taught the Japanese many things; most importantly, simplicity. Kakuzo argues that this tea-induced simplicity affected art and architecture, and he was a long-time student of the visual arts. In the book, Kakuzo states that Teaism, in itself, is one of the profound universal remedies that two parties could sit down to. Kakuzo went on to mention that tea has been the subject of many historical events, such as peace treaties and the like. He ends the book with a chapter on Tea Masters, and spends some time talking about Sen no Rikyu and his contribution to the Japanese tea ceremony.
 
  • Kakuzo Okakura Cover

    Okakura Kakuzo è stato uno scrittore giapponese, famoso per Il libro di tè. Nasce in una famiglia di samurai di alto rango; trascorre l’infanzia in un tempio buddista dove studia i classici cinesi; in seguito frequenta l’Università Imperiale di Tokyo, dove studia filosofia e i modi di pensiero e di vita dell'Oriente contro l'Occidente.Nel 1890 è uno dei principali fondatori della prima accademia di belle arti del Giappone e vive per lungo tempo negli Stati Uniti, dove diviene consulente del Museum of Fine Arts di Boston.Nel 1889 assume la direzione della Scuola Nazionale d'arte di Tokyo. In seguito viaggia tra India, Cina e Stati Uniti. Lavora dal 1904 a Boston come esperto d'arte giapponese al Museo delle belle arti. Lascia Boston definitivamente nel... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali