Traduttore: M. Materassi
Editore: Bompiani
Edizione: 3
Anno edizione: 2009
Formato: Tascabile
In commercio dal: 8 maggio 2002
Pagine: 256 p., Brossura
  • EAN: 9788845251634
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    GD

    26/02/2016 11:58:20

    Leggo opinioni diseguali da parte dei recensori che mi hanno preceduto; io sto con chi ritiene questo un grande romanzo, ed è infatti uno dei migliori che io abbia mai letto. Occorre solo la pazienza di entrare nella storia.

  • User Icon

    Enzo

    08/12/2014 18:49:45

    Solitamente non recensisco libri che non ho terminato di leggere, ma credo che il mio giudizio non sarebbe mutato nonostante le 100 pagine che mi separano dalla sua fine. è la seconda volta, dopo il (a mio parere) inconsistente e tronfio Il muro di Sartre, che abbandono un libro perché lo trovo insopportabilmente irritante. Anzitutto detesto il tono artificiosamente ingenuo dell'io narrante e il suo patetico sentimentalismo. Ho trovato poi oltremodo incauto e infelice la trovata (se così si può definire una costruzione diegetica distratta) svelare tutte le carte fin dalle prime pagine negandoci un interessante senso di mistero, a maggior ragione se si tiene conto che l'autore non abbia da offrire null'altro di stuzzicante, men che meno uno stile godibile anziché il suo modus scrivendi da accumulo impersonale e quasi anonimo. Avrei anche potuto concludere il romanzo, ma dato che sugli scaffali ho altri libri da cui potrei trarre indubbiamente, al minimo, più piacere, preferiscono chiuderla qui.

  • User Icon

    stefano

    12/02/2009 18:11:22

    verboso e confuso. Forse a finirlo è un capolavoro, ma a finirlo!

  • User Icon

    Alessandro

    10/11/2008 14:05:31

    anche se all'inizio non ci credevo, sono sempre stato restio a leggere libri che non fossero dell'800, devo ricredermi. ci impiega un pò ad ingranare, ma alla fine è davvero magnifico.

  • User Icon

    Rodolfo

    02/04/2008 19:22:30

    un libro semplicemente splendido. consigliato a chiunque ami la lettura.

  • User Icon

    Mn

    11/04/2007 17:16:26

    Meraviglios; è incredibile che possano esistere libri di tale perfezione. è vero che talvotla (forse anche piuttosto spesso) appare eccessivamente verboso, specie nelle descrizioni, come dire, qualche volta risulta un tantino ottocentesco. ma l'incredibile storia e l'ancor più incredibile meccanismo narrativo compensano in pieno questa falla, e anzi sottolineano come proprio questo libro deve aver dato una mano decisiva a traghettare il romanzo al di fuori delle stagnanti risacche dell'800.

  • User Icon

    Lt

    21/11/2005 14:13:16

    Questo è il libro più bello che abbia mai letto. perfetto in ogni suo dettaglio, dagli sconvolgimenti temporali, alla psicologia dei personaggi, dai rapporti e le dinamiche fra le persone, all'innocenza di sottofondo di ognuno dei protagonisti. il tutto con una potenza narrativa invidiabile ed una idea di base magnifica nella sua semplicità. un vero e proprio capolavoro.

  • User Icon

    vanni

    16/12/2003 12:02:56

    Il celebre e bellissimo incipit ("Questa è la storia più triste che abbia mai sentito") potrebbe da solo giustificare la lettura; e la prima parte è effettivamente straordinaria. Successivamente, però, lo sviluppo è a mio parere non privo di lungaggini e lo stile narrativo che stravolge la sequenza temporale degli eventi, giocando su richiami e flashback, non sempre agevola la comprensione dell'intreccio. In ogni caso, un classico dimenticato da riscoprire.

Vedi tutte le 8 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione