Categorie
Traduttore: S. Bogliolo
Editore: Corbaccio
Anno edizione: 2013
Pagine: 301 p., Rilegato
  • EAN: 9788863805642

Età di lettura: Young Adult

Disponibile anche in altri formati:

€ 12,66

€ 14,90

Risparmi € 2,24 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

€ 8,04

€ 14,90

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    LadyAileen

    31/03/2013 22:23:01

    Buongiorno Principessa! (il titolo è un omaggio al film di Benigni) è il primo volume (sarebbe stato meglio un romanzo singolo) di una serie che vede protagonisti sei ragazzi alle prese con la loro vita fatta di sogni, segreti, speranze e paure.Piccola premessa: non ho letto i libri di Moccia e ho passato l'adolescenza da un bel po' di tempo. Detto questo, il romanzo presenta numerosi cliché (parlo di caratterizzazione dei personaggi e trama) ma allo stesso tempo è difficile abbandonare la lettura (si legge in breve tempo). Secondo me, la cosa più coinvolgente della trama di questo libro è il mistero che avvolge César (l'autore è stato bravo a rimandare tutto al prossimo volume). Naturalmente, anche le storie dei singoli protagonisti non sono affatto concluse.La storia si dipana nell'arco di pochissimi giorni ed è scritta attraverso vari punti di vista e numerosi flashback, senza però creare problemi al lettore anzi tutto sommato è scorrevole però la cosa può diventare irritante se dovesse piacere la storia di un solo personaggio.I sei protagonisti sono molto diversi tra loro ma sono diventati amici dopo aver vissuto un'infanzia non proprio facile. Sinceramente, non c'è un personaggio che ho preferito più di altri, forse perché alcuni avevano davvero dei comportamenti troppo irritanti e superficiali per i miei gusti (qui entra in gioco il fatto che sia un'adulta) e di altri avrei voluto saperne di più. Per esempio, mi sarei aspettata una Elisabet un po' più matura dopo quello che aveva passato, invece è cambiata in peggio.Trattandosi di ragazzi non poteva mancare la presenza di social network, IPhone e MSN (forse troppo menzionati) mentre i genitori sono marginali o in alcuni casi inesistenti. Un libro consigliato soprattutto ad un pubblico adolescenziale.

Scrivi una recensione