Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Img Top pdp Film
Salvato in 5 liste dei desideri
disponibile in 4 gg lavorativi disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Il cacciatore
17,99 €
DVD
Venditore: Vecosell
17,99 €
disp. in 4 gg lavorativi disp. in 4 gg lavorativi (Solo 2 prodotti)
+ 4,10 € sped.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Vecosell
17,99 € + 4,10 € Spedizione
disponibile in 4 gg lavorativi disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
ibs
18,50 € Spedizione gratuita
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
18,50 € Spedizione gratuita
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Vecosell
17,99 € + 4,10 € Spedizione
disponibile in 4 gg lavorativi disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Il cacciatore di Michael Cimino - DVD
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione


Tre operai partono per il Vietnam. Fatti prigionieri dai Vietcong, riescono a fuggire, ma quella sconvolgente esperienza li ha segnati per sempre. Uno dei tre trova a Saigon la morte che aveva cercato con accanimento.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

The Deer Hunter
Stati Uniti
1978
DVD
Vietato ai minori di 14 anni
0044007838624
Chiudi

Premi

    1979 - Oscar [Academy Awards] - Miglior attore non protagonista - Walken Christopher

Informazioni aggiuntive

Universal Pictures, 2015
Terminal Video
175 min
Inglese (Dolby Digital 2.0 - stereo);Italiano (Mono);Tedesco (Mono);Spagnolo (Mono)
Inglese; Italiano; Turco; Tedesco; Spagnolo; Portoghese
16:9
trailers

Valutazioni e recensioni

4,73/5
Recensioni: 5/5
(44)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(38)
4
(3)
3
(1)
2
(1)
1
(1)
Manuela Alessio
Recensioni: 2/5

Come Michele Bettini della recensione del 26 luglio 2013, anch'io sono atea, ma, al contrario di Bettini, ritengo che in questo film di divina provvidenza ce ne sia fin troppo, solo che interviene sempre e comunque in favore del protagonista eroe, anche nel suo unico momento di debolezza e cioè quando punta la pistola alla testa di John Cazale. Meritatissimo l'Oscar assegnato ad uno straordinario Christopher Walken, per il resto il film è stato ampiamente sopravvalutato, tracima retorica, ipocrisia, inverosimiglianza. Ha avuto successo perché l'attenzione dello spettatore viene morbosamente attirata dalle celeberrime scene della roulette russa, ma è proprio in queste che l'inverosimiglianza raggiunge il suo culmine, il regista si comporta come un abile e truffaldino croupier.

Leggi di più Leggi di meno
Aldo Boggetti
Recensioni: 5/5

Il film, come ogni film che racconta le guerre, non nega Dio, ma disperatamente lo cerca. Percependo la Sua presenza nell'intima sofferenza di ogni protagonista. E' un inno alla speranza ed al significato profondo dell'amicizia e del senso di appartenenza, al senso del dovere e del sacrificio, al senso morale che non abbandona mai Michael, anche nel suo disperato tentativo, anche a costo della propria vita, di recuperare Nick durante l'intensissima roulette russa quando finalmente lo trova a Saigon. Non è un film dove ci si possa divertire, ma dove è doverosa una profonda riflessione su quello che ha rappresentato quella guerra scellerata, così come tutte le guerre della nostra storia umana. Racconta lo strappo tra coloro che sono andati e coloro che sono rimasti con delicatezza ma con la ferma convinzione che niente sarà come prima, che si torna "diversi" nell'anima. Alla fine Mike riesce nel suo dovere morale ed etico di riportare tutti a casa, in qualche modo. Sé stesso con la sua solitudine, quel che resta di Steve, e soprattutto il ricordo e l'amore per Nick. Tutto, in Mike, è un disperato tentativo di riportare le cose com'erano prima. E lo stringersi gli uni agli altri, alla fine della narrazione, nel commovente saluto finale all'amico perduto, riporta, in un modo o nell'altro e per quanto possibile, tutto al suo posto. Oltre che antimilitarista, il film è anche una condanna all'ineluttabile destino autodistruttivo presente da sempre nell'animo umano. Quell'abbandonarsi continuo nelle braccia del demone della guerra. Demone che, inestinguibile, ha accompagnato ed accompagnerà nei millenni tutti i nostri passi.

Leggi di più Leggi di meno
Davide
Recensioni: 5/5

Mi è capitato di riflettere sul perché questo film non possedesse alcuna colonna sonora ( se c'è no la ricordo ) : semplicemente non ne ha bisogno. È autosufficiente, è uno dei pochi film che raggiungono la perfetta efficacia del mezzo visivo. Ogni scena é vivida e credibile di per sé ; non è vero che non c'é partecipazione , anzi se questo film ha una peculiarità è proprio quella di rendere lo spettatore, in ogni situazione, partecipe delle emozioni dei personaggi. Il sentimento, sia divertimento o dramma, è fluisce puro e semplice dalla forza dell'immagine Nella recitazione degli attori non c'é parvenza di finzione (cosa normale in De Niro, ma sorprendente in un attore dallo stile peculiare come Walken ) . Giustamente invece Bettini afferma che non c'é senso , ma non è importante. Ê semplicemente la rappresentazione del dramma,vivida e riuscita. E il cinema è questo : nessuna priorità di riflessione . Come diceva Mary McCarthy , quando guardo la carrozzina de "La corazzata Potemkin" vedo solo una tragedia, e hai voglia ad attribuirgli una qualsivoglia interpretazione oggettiva.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,73/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(38)
4
(3)
3
(1)
2
(1)
1
(1)

Conosci l'autore

John Savage

1949, Old Bethpage, New York

Nome d'arte di J. Youngs, attore statunitense. Dalla personalità schiva e dal forte impatto scenico, ottiene il suo primo ruolo importante nel 1972 in Cattive compagnie di R. Benton, ma mostra il suo sfaccettato talento interpretando il fragile Steven in Il cacciatore (1978) di M. Cimino. La fama improvvisa è consolidata dai ruoli da protagonista nel musical pacifista Hair (1979) di M. Forman e nel drammatico Il campo di cipolle (1980) di H. Becker. Inspiegabilmente eclissatosi negli anni '80 (con l'eccezione di Maria's Lovers, 1984, di A. Kon?calovskij, e di Salvador, 1986, di O. Stone), torna a farsi notare in alcuni ruoli secondari in Fa' la cosa giusta (1989) e L'estate di Sam (1999) di S. Lee e Il Padrino - Parte III (1990) di F.F. Coppola. Intenso e efficace il suo ruolo anche in La...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore