Cantate e musica sacra - CD Audio di Charles Gounod,Hervé Niquet,Brussels Philharmonic

Cantate e musica sacra

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Charles Gounod
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Data di pubblicazione: 16 febbraio 2018
  • EAN: 9788469758069

Nella lista dei desideri di 1 persona

€ 39,50

Punti Premium: 40

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Nella lista dei desideri di 1 persona

Figura emblematica del romanticismo francese grazie al successo ininterrotto di Faust e di Roméo et Juliette, Charles Gounod si presentò tre volte al concorso del Prix de Rome tra 1837 e il 1839, scrivendo a tale scopo alcune cantate per solisti e orchestra rimaste inedite, tra cui Marie Stuart et Rizzio e La Vendetta, che il compositore non ebbe mai la possibilità di ascoltare. Queste pagine di un romanticismo palpitante, qui presentate al pubblico per la prima volta, attestano lʼeccezionale operistico del loro giovane autore. Divenuto pensionnaire presso la prestigiosa Villa Medici nel 1840, dopo avere ottenuto il primo premio con Fernand, Gounod vi compone diversi pezzi di musica sacra, pure rimasti sconosciuti. La splendida Messe vocale, scritta in stile neo-palestriniano per coro a cappella, è degna di figurare nei programmi di tutte le formazioni vocali.
L'edizione include:
Alexandre Dratwicki, Gounod, candidat au prix de Rome de musique (1837-1839)
Pierre Sérié, La Villa Médicis au temps d’Ingres
Dominique Hausfater, Lettres de Mme Gounod à son fils (1839-1842)
Charles Gounod, Mémoires d’un artiste: «L’Italie»
Gérard Condé, «Puissant Palestrina, vieux maître, vieux génie»
Textes des cantates et de l’Hymne
  • Charles Gounod Cover

    Compositore francese. Intraprese gli studi musicali con A. Reicha, iscrivendosi in seguito al conservatorio di Parigi, dove ebbe come maestri J.F. Halévy, J.F. Lesueur e F. Paer. Dal 1840 al '43 soggiornò a Roma come vincitore del Prix de Rome. Qui conobbe le opere di Palestrina e della grande tradizione polifonica romana, scoprendo in se stesso quella disposizione mistica che caratterizzerà, a tratti, la sua vita. Scrisse in quegli anni alcune messe, un Requiem (1842) e altre composizioni sacre. Per incitamento della cantante Pauline Viardot si volse in seguito al teatro, scrivendo per lei Sapho (1851) cui seguirono La nonne sanglante (1854) e Le médecin malgré lui (1858). Ma il grande successo gli venne dal Faust (1859), opera in cui la materia universale del poema di Goethe viene adattata... Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali