Il canto della missione

John Le Carré

Traduttore: S. Bertola
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2008
Formato: Tascabile
Pagine: 350 p., Brossura
  • EAN: 9788804581376
Disponibile anche in altri formati:

€ 5,40

€ 10,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

5 punti Premium

Disponibilità immediata

Garanzia Libraccio
Quantità:

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    maurizio

    20/09/2011 12:50:03

    L'Autore,a prescindere dalle singole - nuove - storie narrate,ha un leit - motiv di fondo,comune a tutti i suoi libri più recenti e recentissimi,ed è il seguente: la critica,spesso spietata, a certi ambienti inglesi che hanno potere di decidere, e che si avvalgono dello aiuto della cosidetta " intelligence " britannica.Le multinazionali losche del Constant Gardner;I " nuovi ricchi " russi del Traditore Tipo;IL Nuovo Terrorismo orientale;lo esthablisment anglosassone è sempre sotto la lente di ingrandimento di questo scrittore, in modo mai tenero.L'abbandono del vecchio scontro est - ovest, ha portato Le Carrè a focalizzare la attenzione su presunte distorsioni del sistema britannico, verso il quale è sempre molto critico.Ogni nuovo libro del maestro è un pretesto per parlarci del suo Paese,ed anche dei nostri tempi moderni, con una lucidità rara in altri letterati.Se si è letti " I Mastini della guerra " del grande Forsyth, ebbene questo testo in questione,può esserne la risposta lecarriana. Un ottimo libro,per riflettere,non privo di suspence, bella la frase finale con cui il maestro chiude il libro.A differenza di molti scrittori cosidetti " di genere ", Cornwell fa riflettere e molto sui nostri tempi liquidi ed inquieti,è questa la sua grandezza,che spero un giorno venga riconosciuta a Stoccolma, con un bel Nobel alla carriera che merita ampiamente, per aver avuto da sempre uno sguardo lucido sulla nostra realtà,sempre analizzata giorno per giorno,era per era,oltre che con una qualità di scrittura eccelsa.

  • User Icon

    Claudio

    16/07/2010 16:54:53

    Solito bel libro di Le Carrè, affilato e preciso, molto accurato ed illuminante sul modo di pensare e di agire da parte di certi poteri e di certi ambienti. Ciò che è stupefacente è come Le Carrè riesca da 40 anni ad essere così bene informato e così accurato. Questa è una storia inventata ma potrebbe tranquillamente essere vera, e Le Carrè riesce a portarti all'interno della vicenda in maniera come sempre geniale. Non dò il massimo perchè i suoi classici sono ancora quanto di meglio abbia scritto, resta però un bel libro e miglia sopra la produzione spionistica e di thrilller che affolla le librerie degli aereoporti.

  • User Icon

    wehrkelt

    13/07/2010 18:19:02

    Non il miglior Le Carré, ma un libro godibile, a tratti avvincente. Il protagonista è, come sempre, un perdente nato, un uomo legato a doppie fedelta un po' come i personaggi di G. Greene; suscita una istantanea simpatia, mentre gli ambienti altolocati inglesi sono descritti con la consueta spietatezza. Ironia graffiante, scrittura curata, dettagli storici precisi. Non può certo definirsi una semplcie spy-story, Le Carré va sempre oltre le etichette.

Scrivi una recensione