La capanna dello zio Tom - Harriet Beecher Stowe - ebook

La capanna dello zio Tom

Harriet Beecher Stowe

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium In promozione DOPPI PUNTI fino al 23/6
Editore: Wikibook
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,11 MB
  • EAN: 9788899941697
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 1,99

Punti Premium: 2

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
Fai un regalo

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

La capanna dello zio Tom (titolo originale Uncle Tom's Cabin or Life Among the Lowly) è un romanzo antischiavista scritto dalla statunitense Harriet Beecher Stowe. Pubblicato nel 1852 in seguito a un atto legislativo promulgato nel 1850, la Fugitive Slave Law, che decretava il dovere di denunciare gli schiavi fuggiti e la restituzione ai proprietari, il romanzo ebbe un profondo effetto sugli atteggiamenti nei confronti degli afroamericani e la schiavitù negli Stati Uniti e rese più acuto il conflitto che condusse alla guerra civile americana.
Stowe, un'attiva abolizionista, focalizzò il romanzo sul personaggio di zio Tom e sulla lunga sofferenza degli schiavi neri attorno alla quale si intrecciano le storie di altri personaggi. Il romanzo raffigura la crudele realtà della schiavitù e afferma che l'amore cristiano può superare la distruzione e la riduzione in schiavitù di altri esseri umani.
  • Harriet Beecher Stowe Cover

    (Litchfield, Connecticut, 1811 - Hartford, Connecticut, 1896) scrittrice statunitense. Figlia di un ministro calvinista, ma nutrita, fin dall’infanzia, di letture romanzesche e libertarie, dalle Mille e una notte alle opere di G. Byron e di W. Scott, ebbe la prima rivelazione della realtà della schiavitù a Cincinnati, dove la famiglia si era trasferita nel 1832. Ritornata nell’Est, tra il 1851 e il 1852 pubblicò a puntate sul «National Era» il romanzo La capanna dello zio Tom (Uncle Tom’s cabin, 1852), destinato a una immensa popolarità. Sotto gli stereotipi lacrimosi del best seller sentimentale si cela, visibile oggi, una precisa analisi dei vari aspetti, dal sessuale al sadico, del razzismo; se lo «zio Tom», il pio schiavo nero perseguitato, protagonista del romanzo, fu assunto dalla cultura... Approfondisci
| Vedi di più >
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali