Categorie
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2003
Formato: Tascabile
Pagine: XXV-930 p., Rilegato
  • EAN: 9788804519454
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 12,75

€ 17,00

Risparmi € 4,25 (25%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Giovanni

    03/10/2013 11.12.40

    Conrad va letto e riletto e quando lo si è compreso va riletto di nuovo e di nuovo ci si emozionerà nel leggerlo come la prima volta.

  • User Icon

    Davide

    07/08/2013 14.40.45

    Aldilà del fatto che il suo particolare stile possa piacere o no, è impossibile negare a Conrad il merito di aver deciso una svolta nella letteratura contemporanea : gli ultimi cento anni di narrativa, da Hemingway a Faulkner, da Naipaul a Coetzee , da Galsworthy a Borges, passando per poeti come Eliot e addirittura filosofi come Sartre, sono lì a dimostrarlo. L'estetica del sottinteso, la sua capacità, anche nelle opere più autobiografiche, di evitare sempre il narcisismo o l'onanismo letterario , il suo acume profetico nello scrutare i recessi degenerati della natura umana lo rendono meritevole della propria fama. Conrad non è mai stato oltretutto un autore da parrucconi : è vero, il prestigio arrivò quasi del tutto postumo, giacché in vita fu sottovalutato e scambiato per un mero scrittore d'avventura. Ma già il suo necrologio fu scritto da Virginia Woolf, e questo la dice lunga. Chiunque lo prenda per un romantico ottocentesco conosce poco della letteratura tra Ottocento e Novecento e a quanto pare non sa andare oltre la superficie su cui, è vero, Conrad spalmava furbescamente un romanticismo solo di facciata.

  • User Icon

    andrea

    16/02/2012 12.32.01

    Un capolavoro, letto e riletto e riletto ancora, per più di 20 anni.

  • User Icon

    Monsa

    07/01/2010 20.50.45

    Scadono i diritti d'autore e le case editrici si lanciano a capofitto sui grandi classici pubblicando, a destra e a manca, presunti capolavori della letteratura. Joseph Conrad era stato uno delle mie tentazioni giovanili: in tenerissima età lessi "Il duello"; su un disperato regionale per Madrid, con solo pane, cipolle e sale da mangiare, per tre volte tentai e per tre volte fallii "Cuore di tenebra". Con il trascorrere degli anni ero certo che su Jospeh Conrad avrei finito per ricredermi: naturalmente non è stato così. Conrad è uno scrittore di una noia epocale che scioglie nei suoi mille aggettivi anche le poche cose buone della sua prosa astrusa. Polacco di nascita ebbe la presunzione di scrivere in inglese senza avere degli scrittori inglesi il dono della sintesi. Le sue storie sono allungate come il peggior vino dei Castelli, ogni personaggio offre il fianco ad insopportabili digressioni, fatti del tutto irrilevanti sono occasione di perturbamenti dello spirito profondissimi ma, al giorno d'oggi, così insignificanti che si stenta persino a seguire il filo della storia. Scrittore romantico per eccellenza Conrad segnò, proprio del romanticismo, la insperata fine pubblicando gran parte della sua produzione in pieno novecento. Datato come la sedia a dondolo del nonno che nascondiamo in soffitta Conrad è una lettura obbligatoria per chi ricopre la cattedra di Magnifico Docente di Storia della Letteratura all'Università di Tubinga. Tutti gli altri possono serenamente accontentarsi dei riassunti della quarta di copertina. Ah l’ottocento, che noia mortale!

  • User Icon

    Marcello

    19/02/2005 00.34.23

    Tutti i romanzi contenuti in questa raccolta sono delle pietre miliari intoccabili, ma volevo soffermarmi in particolare su "la linea d'ombra": è meraviglioso il senso di avventura (soprattutto interiore) che il grande Conrad ha infuso in quelle pagine. Una sottile e tesa descrizione di una crescita che ti incolla al racconto, con dei personaggi tratteggiati meravigliosamente e un'indimenticabile atmosfera sfumata nel mistero. Lo propongo a tutti gli adolescenti e atutti quelli che sanno che la vita è un viaggio continuo.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione