Traduttore: C. Vico Lodovici
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2005
Formato: Tascabile
In commercio dal: 21 giugno 2005
  • EAN: 9788806178680
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 8,10

€ 12,75

€ 15,00

Risparmi € 2,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Nick Polpetta

    19/09/2018 16:39:09

    È la classica traduzione di Cesare Vico Lodovici, “molto amata dai lettori e pochissimo dagli attori” (da una definizione che ho letto tempo fa). Non intendo impelagarmi nelle annose querelle sulle traduzioni dai testi originali, l’unica cosa cui mi limito è fare il confronto tra quelle a disposizione e personalmente, solo per dirne uno, il celeberrimo monologo di Amleto reso dal Lodovici non è paragonabile a molti altri che mi è toccato leggere, molto più sciapi e assai meno poetici. Ammetto tuttavia di ignorare quanta fedeltà all’originale ci sia, se il 100% o se il 90% o se meno, ma sinceramente non so neanche se questo aspetto sia così importante di fronte al capolavoro che il traduttore è riuscito a tramandare. Per quanto mi riguarda l'italiano è la lingua di cui posso disporre che meglio mi permette di cogliere le sfumature e la bellezza di un testo. E quello che leggo, grazie alla traduzione di Lodovici, mi piace molto.

  • User Icon

    ernesto

    30/01/2009 17:16:09

    La traduzione del Macbeth è inaccettabile; è vero che tradurre è tradire ma in certi passaggi si perde completamente il senso dello straordinario testo originale. Atto III.."come seeleing night, scarf up the tender eye of pitiful day, and with thy blood and invisible hand cancel and tear to pieces that great bond which keeps me pale..." E' stato tradotto con. " ...vieni o notte.: metti la tua benda sull'occhio tenero del giorno pietoso, sopprimi e lacera quel gran suggello di natura che mi fa pallido". Ma scherziamo. E' andata perduta la bellissima immagine della mano invisibile che persino Adam Smith avrebbe ripreso! Infinitamente superiore la traduzione nei Meridiani ( e Shakespeare va letto con il testo a fronte).

Scrivi una recensione