Caporali tanti, uomini pochissimi. La storia secondo Totò - Emilio Gentile - copertina

Caporali tanti, uomini pochissimi. La storia secondo Totò

Emilio Gentile

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Laterza
Anno edizione: 2020
In commercio dal: 12 novembre 2020
Pagine: 192 p., Brossura
  • EAN: 9788858142479

25° nella classifica Bestseller di IBS Libri Cinema, musica, tv, spettacolo - Cinema, televisione e radio - Singoli attori e interpreti

Salvato in 52 liste dei desideri

€ 14,00

Venduto e spedito da Libreria Max 88

Solo una copia disponibile

+ 3,50 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 14,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

«Il saggio dello storico Emilio Gentile illustra la filosofia e l'etica del grandissimo attore» - Corriere della Sera

Il principe Antonio De Curtis non era solito leggere i racconti degli storici. Lo appassionava solo la storia della sua famiglia, che risaliva all'imperatore Costantino. Non lo divertiva la Storia, cioè l'esistenza umana nel fluire del tempo, perché aveva una visione tragica della vita. Ma permetteva a Totò di spernacchiare tutte le persone che nella Storia, e quindi nella vita, si comportano da «caporali»: i prepotenti che tormentano gli «uomini» qualunque, costretti a vivere un'esistenza grama. Nei suoi novantasette film, ambientati nelle più varie epoche storiche, dall'Egitto dei faraoni all'Italia del 'miracolo economico' e all'Europa del Muro di Berlino, Antonio incarna nei personaggi di Totò sia i 'caporali' sia gli 'uomini', ma sempre con lo stesso proposito: «spernacchiare» i caporali, spiegando che la pernacchia «ha tanti scopi: deride, protesta, esplode con un grido di dolore». E difende così la dignità dell'uomo libero.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,33
di 5
Totale 3
5
1
4
1
3
0
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Cianciabella

    04/01/2021 01:55:15

    Purtroppo concordo con Bispuri, anche perché come ho ampiamente esplicitato nel mio libro "Siamo uomini e caporali. Psicologia della disobbedienza" (edito da Franco Angeli nel 2014), non basta guardare qualche film di Totò per conoscere la natura del sui/suoi personaggi, uno, nessuno e centomila, figli di una psicologia molto complessa, pervasa dal conflitto con l'autorità in un sistema altrettanto conflittuale sia a livello economico che sociale quale è stato quello del nostro amato paese. Ennesima conferma della forza del "principio di autorità" che si afferma tra autore ed editore... per dirla con Totò, mi raccomando, siate uomini, non caporali!

  • User Icon

    ennio bìspuri

    03/12/2020 13:39:36

    Lo storico Emilio Gentile pubblica un libro con Laterza dedicato al rapporto tra la storia e Totò, “Caporali tanti, uomini pochissimi”. Il problema è che Gentile non conosce Totò e non l’ha studiato. Pertanto, in mezzo a un coacervo di luoghi comuni (tra cui il solito sdoppiamento di Totò principe e pagliaccio, la generosità, i patimenti giovanili che sarebbero il motore della sua comicità e tanti tanti altri) commette il solito errore, che è basilare, da cui derivano altri clamorosi errori, ossia di ritenere che esista un solo Totò-personaggio, ossia quello che Gentile ritiene essere l’unico. In realtà, come ho cercato di dimostrare in cinque libri dedicati a Totò, ma soprattutto in “TOTO’ ATTORE” (Gremese, Roma, 2010, 508 pagine), esistono almeno sei tipologie differenti di Totò (la marionetta, il tipo, l’uomo qualunque, l’uomo che soffre, la maschera surreale, il clown). Del rapporto tra Totò e Pasolini, Gentile non ha capito nulla e tanto meno ha capito il film (primo di una splendida trilogia), “Uccellacci e uccellini”, come hanno fatto molti critici ignoranti, caduti nello stesso errore, ritenendo che quei film di Pasolini abbiano ucciso l’”unico” Totò che loro hanno in testa, senza cogliere la straordinaria capacità di Pasolini nell’estrarre dal personaggio Totò una componente lunare-metafisica che nessuno prima di lui era riuscita a individuare. Gentile è un apprezzato storico e lasci stare Totò, di cui non conosce quanto è necessario conoscere, affermando le solite sconcertanti e risapute banalità, rimasticate mille volte, oppure, prima di scrivere, si acconci a studiarlo seriamente. Mi stupisco che il prestigioso editore Laterza si sia reso complice di questa inutile e perfino dannosa pubblicazione. Aggiungo che anche Walter Veltroni, politico di grandi qualità, non conosce Totò, con l’aggravante che crede di conoscerlo. Voto: 2 Ennio Bìspuri

  • User Icon

    Toto Pezzinga

    25/11/2020 05:27:05

    Molto bello, come tutti i libri di Gentile. Interpretazione storica di Totò e interpretazione totologica della storia. Consigliato a chi sia interessato all'una o all'altra

  • Emilio Gentile Cover

    Storico italiano.Allievo di Renzo De Felice.   Nella sua prima monografia, ha analizzato il ruolo della rivista La Voce nel panorama culturale e politico dell’età giolittiana (La Voce e l’età giolittiana, 1972). Successivamente si è dedicato alla nascita dell’ideologia fascista (Le origini dell’ideologia fascista, 1975) e alla figura di Mussolini (Mussolini e La Voce, 1976). Nel corso degli anni Gentile si è specializzato sul periodo del fascismo, dando alle stampe un buon numero di saggi su modernità, nazione, totalitarismi (ricordiamo almeno Il mito dello Stato nuovo, 1982, e Le religioni della politica, 2001). È stato insignito del premio Hans Sigrist dall’Università di Berna (2003) e (sulla scia del suo... Approfondisci
Note legali