Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Il cappotto-Il naso. Ediz. integrale - Nikolaj Gogol' - ebook

Il cappotto-Il naso. Ediz. integrale

Nikolaj Gogol'

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 236,42 KB
  • EAN: 9788854173026
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 1,99

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

spinner

Scaricabile subito

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Edizioni integrali
Premessa di Filippo La Porta

Gioielli del realismo grottesco di Gogol’, questi racconti sono tra i più significativi esiti della sua fantasia figurativa smisurata e della sua visione surrealista del mondo.

Nel gelo di Pietroburgo, una città livida e ostile, è ambientato Il cappotto: è la triste vicenda di un impiegato mite e remissivo, deriso dai colleghi, eternamente sottomesso, che viene derubato del cappotto, comperato dopo spaventosi sacrifici. L’indifferenza e l’egoismo degli altri lo finiranno, ma imprevedibile sarà la vendetta studiata dall’autore. Ne Il naso, spesso ritenuto un puro divertissement, l’incredibile avventura dell’assessore collegiale Kovalëv, che si sveglia un bel mattino senza naso, offre all’autore l’opportunità di muoversi liberamente tra le infinite possibilità dell’immaginazione comica. Chiude il volume il racconto Il calesse, che prende l’avvio da una festa nella piccola cittadina di B.


Nikolaj Vasil’evic Gogol'

Nikolaj Vasil’evic Gogol’ nacque a Sorocincy, nel governatorato di Poltava, in Ucraina, nel 1809. Nel 1828 si trasferì a Pietroburgo, entrando presto nell’ambiente letterario. Nominato nel 1834 professore di storia all’Università, si dimise dall’incarico l’anno successivo. Nel 1836 lasciò la Russia e cominciò a peregrinare per l’Europa; fu a Parigi e a Roma. Scrisse racconti, novelle, saggi critici e drammi teatrali. Morì a Mosca nel 1852.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,5
di 5
Totale 2
5
1
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Anto

    16/03/2020 12:05:51

    In realtà questo volume contiene 3 racconti dello scrittore russo: -Il cappotto ha per protagonista un semplice ed umile copista, morigerato e gran lavoratore. L'uomo è continuamente oggetto di beffe da parte dei colleghi, ma, nonostante ciò lo faccia molto soffrire, continua imperterrito a copiare i suoi documenti anche nella solitudine della propria casa. Akakij Akakievič Bašmačkin, è questo il nome del protagonista, un giorno si accorge di aver bisogno di un nuovo cappotto. Purtroppo non ha il denaro sufficiente per questa spesa improvvisa e comincia a risparmiare, aggiungendo ulteriori piccoli sacrifici alla modesta vita che conduce. Ma alla fine, la soddisfazione di indossare un cappotto caldo è indescrivibile. Peccato che abbia breve durata! Un bel racconto che comunica, però, un senso di tristezza infinita e ci porta a riflettere su quanto effimere siano le gioie. -Il naso è un racconto grottesco. Il protagonista è l'assessore di collegio Kovalyov, il quale una mattina si risveglia senza naso. Il racconto è diviso in tre parti. Un racconto a tratti divertentissimo, che affronta il tema della imprevedibilità della vita, alla quale bisogna comunque, in parte, adattarsi. -Il calesse racconta di una piccola comunità che viene ravvivata dall'arrivo dei soldati. Il protagonista vuol vantarsi del proprio calesse e invita tutti nella sua dimora, ma la sera precedente si fa "corteggiare" dall'alcool e dimentica l'invito fatto con tanta fretta. Da uomo codardo qual è, si nasconde, piuttosto che affrontare le conseguenze... Assolutamente spassoso!

  • User Icon

    D

    21/09/2019 16:02:12

    Continuo a leggerlo e rileggerlo. Assurdo, grottesco, angosciante. Lo adoro.

  • Nikolaj Gogol' Cover

    Già maestro del Realismo, Gogol' Nikolaj Vasil'evic (Sorocincy, 1809 - Mosca 1852) si distinse per la grande capacità di raffigurare situazioni satirico-grottesche sullo sfondo di una desolante mediocrità umana, o di quella che è stata definita pošlost' con uno stile visionario e fantastico tanto da essere definito da molti critici un precursore del Realismo magico. Tra le opere più significative si ricordano i racconti Taras Bul'ba (1834) e Arabeschi (1835), la commedia L'ispettore Generale (1836), la raccolta I Racconti di Pietroburgo (1842) e il romanzo Le anime morte (1842). Nel 1831 esce la prima parte di Veglie alla fattoria presso Dikan'ka (il suo ingresso nel mondo letterario pietroburghese) che gli frutta l'incontro con Puskin. Poco dopo... Approfondisci
Note legali