Carillon

Carillon

Ivano Bersini

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Ivano Bersini
Formato: EPUB
Testo in en
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 35,22 MB
  • EAN: 9788832537239
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 3,49

Punti Premium: 3

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Stefano's beautiful illustrations (All Rights Reserved Stefano Rossi (c) 2018-2019), who arranged the lyrics to create a "story", completes Carillon (that was previously "parked", waiting for ideas, in the Favole poesie folder of my Google+ page dedicated to children as special beings, who I would define as authentic examples of purity whom we should listen to.

Every time they observe me, I feel a world open up, a world that is invisible to us, made of instantaneous subliminal messages that, while reaching me in the depths of my being, lead me to believe that I am perhaps in the presence of an indigo child.

The specialness and the purity of little ones allow them to dialogue with invisible worlds: they are paths to re-evaluate our existence.
It would be nice if we adults always had the utmost respect for them, thus drawing inspiration to perceive the invisible and supernatural side of everyday life by accepting magic in our lives; synchronicity.

It brings to mind Pablo Picasso, who famously stated: "At the age of four I was painting like Raphael, and then I spent a lifetime learning how to paint like a child. All children are born artists; the difficulty lies in staying a child as adults.”

Giovanni Pascoli, in his 1897 publication Il Fanciullino (The Child), referring to the latter, wrote: “When our age is still tender, he confuses his voice with ours ... But then we grow up, and he remains small; we light a new yearning in our eyes, and he keeps his old serene marvel fixed on you ... you always say what you see as you see it ...

Le splendide immagini di Stefano (All Rights Reserved Stefano Rossi (c) 2018-2019), che ha scelto la disposizione delle liriche per creare la propria “storia”, completano Carillon (già precedentemente “parcheggiate”, nell’attesa di idee, nella cartella Favole poesie della mia pagina Google+ dedicato ai bambini quali esseri speciali, che vorrei definire autentici grandi esempi di purezza a cui prestare ascolto.

Ogni volta che mi osservano, sento aprirsi un mondo a noi invisibile fatto di messaggi subliminali istantanei che, raggiungendomi nel profondo del mio essere, mi inducono a credere di essere magari ad esempio al cospetto di un bambino indaco.

La specialità e la purezza dei piccini, li rende capaci di dialogare con i mondi invisibili: sentieri per rivalutare la nostra esistenza.
Sarebbe bello così che, noi adulti, ne avessimo sempre il massimo rispetto, traendone perciò ispirazione per percepire il lato invisibile, soprannaturale, della quotidianità accogliendo magia nobile nella nostra vita, sincronicità.

Pensiamo anche a Pablo Picasso il quale affermava notoriamente: “A quattro anni dipingevo come Raffaello, poi ho impiegato una vita per imparare a dipingere come un bambino/Tutti i bambini sono degli artisti nati; il difficile sta nel fatto di restarlo da grandi”.
Giovanni Pascoli, nella sua pubblicazione del 1897 Il Fanciullino, a quest’ultimo riferendosi, scriveva invece: “Quando la nostra età è tuttavia tenera, egli confonde la sua voce con la nostra…Ma quindi noi cresciamo, ed egli resta piccolo; noi accendiamo negli occhi un nuovo desiderare, ed egli vi tiene fissa la sua antica serena maraviglia…tu dici sempre quello che vedi come lo vedi…
Ivano Bersini
Note legali