Il carisma di Hitler. L'invenzione di un messia tedesco - Ludolf Herbst,U. Gandini - ebook

Il carisma di Hitler. L'invenzione di un messia tedesco

Ludolf Herbst

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: U. Gandini
Editore: Feltrinelli
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 2,26 MB
Pagine della versione a stampa: 320 p.
  • EAN: 9788858802755
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 15,99

Punti Premium: 16

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Come è potuta avvenire la trasformazione dell'apparentemente insignificante Adolf Hitler nel Führer del Terzo Reich? In che cosa consisteva davvero il suo presunto carisma e in che modo rispondeva alle attese messianiche del popolo tedesco? Secondo Ludolf Herbst, Hitler non fu sin dall'inizio quello che oggi si ricorda. La sua visione del mondo e la sua consapevolezza di sé, prima della pubblicazione di Mein Kampf, erano ancora incerte e non era scontata la direzione della loro evoluzione. La costruzione dell'immagine pubblica del Führer, a partire da una serie di esperienze di vita che influenzarono via via il carattere di Hitler, sarà il frutto di una volontà non solo sua. Le possibilità di manipolazione della moderna propaganda, che il partito nazionalsocialista usò e sfruttò come nessun altro partito, sono ancora oggi sottovalutate e tutte le rappresentazioni della dittatura nazista come "governo carismatico" risultano fuorvianti. L'attribuzione di un'autorità carismatica a Hitler si basa su inappropriate applicazioni della sociologia del potere di Max Weber, che se correttamente interpretata consente invece di sfatare il luogo comune del suo carisma come dono soprannaturale e di rintracciare i fondamenti reali della sua autorità. Sono infatti concrete condizioni – di ordine politico, economico, sociale, culturale più che personali – a determinare davvero il carisma hitleriano, e più in generale dei leader nei regimi totalitari, tramite la sua "pratica quotidiana". Il Führer fu così trasformato dagli anni trenta in avanti in un messia, passo dopo passo, dalla propaganda nazionalsocialista e presentato sempre più come un'icona, oggetto di pubblica venerazione. La concezione tuttora diffusa del suo carattere carismatico viene dunque relegata da Ludolf Herbst nel novero delle leggende.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Andrea

    20/11/2013 08:37:27

    Testo di notevole densità concettuale, tanto, credo, da essere considerato un punto fermo nei prossimi anni . L'autore riesce a scandagliare approfonditamente il primo periodo dell'ascesa di Hitler, fino al 1933, dimostrando (attraverso un'ammirevole conoscenza delle fonti e attrezzato di capacità teoriche non comuni. Elementi che raramente stanno insieme negli storici.) che il carisma di Hitler fu soprattutto una costruzione abilissima, dell'apparato nazionalsocialista e non derivante da una qualche, metafisica e messianica qualità. Herbst. Smonta così le tesi di quanti, continuando a sostenere l'idea di un "carisma" di Hitler finiscono per accreditare una propaganda che fu davvero efficace. E' interessante la parte in qui si parla del metodo di lavoro dei nazionalsocialisti e di Hitler stesso (credo inedita, almeno in Italia) e di come funzionavano le adunate hitleriane (pubblico pagante, liturgia consolidata). E' evidente che il mito di Hitler nasce dalla sua stessa costruzione e si autoalimenta attraverso immagini fasulle che diventano vere (il film "il trionfo della volontà"). Ma Hitler, l'apparato, il pubblico, credeva davvero nei riti nazisti? Herbst sostiene che questo è un punto che non può attenere all'indagine storica perché inconoscibile. Vero è che il carisma diventa tale dopo il 1933 quando il meccanismo di propaganda di partito diventa statale e onnipresente. Ma anche qui: dove inizia il vero carisma e dove quello fasullo? Stante il titolo e l'argomento la prima guerra mondiale viene appena citata, mentre ritengo che essa non possa essere scollegata dall'avvento dei fascismi. Inoltre trovo che la critica a Kershaw sia non sempre del tutto giustificata, considerato che ha prodotto una biografia di Hitler davvero significativa (ma si tratta qui di srutturalismo/vs Marxismo). Comunque testo capitale su Hitler e il nazismo, sperando che in Italia si traduca anche il suo Das nationalsozialistische Deutschland 1933-1945

Note legali