Salvato in 8 liste dei desideri
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Carissimo amico. Lettera sulla droga
12,00 €
;
LIBRO
Dettagli Mostra info
Carissimo amico. Lettera sulla droga Venditore: Libreria Internazionale Romagnosi snc + 7,60 € Spese di spedizione Solo una copia disponibile
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libreria Internazionale Romagnosi snc
12,00 € + 7,60 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
8,99 € + 5,00 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
8,99 € + 5,00 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Condizione accettabile
ibs
6,18 € Spedizione gratuita
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libreria Internazionale Romagnosi snc
12,00 € + 7,60 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
ibs
6,18 € Spedizione gratuita
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
8,99 € + 5,00 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
8,99 € + 5,00 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Condizione accettabile
Chiudi
Carissimo amico. Lettera sulla droga - Vittorino Andreoli - copertina
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione

"Io mi occupo di sentimenti e so che basta un momento di abbandono, un lutto, una ferita che abbia distrutto la propria autostima per perdersi nella droga e non tornare più indietro." Negli ultimi anni se si escludono le notizie di cronaca nera, è calato il sipario sulla diffusione della droga, sul come affrontare i drammi che coinvolgono intere famiglie, come fosse semplicemente una questione privata, o addirittura normale. Un silenzio che Vittorino Andreoli non accetta e che ha deciso di rompere presentandoci il suo punto di vista con grande semplicità. A partire dalla sua lunga esperienza nel mondo delle realtà più difficili, Andreoli prende per mano il lettore e lo accompagna in un'esemplare ricognizione nei luoghi dell'anima, rivolgendosi non solo a chi la droga la tiene dentro la testa, ma anche a chi la tiene in tasca e potrebbe usarla, a chi teme che i propri figli ne siano già parte. Pagina dopo pagina, "Carissimo amico. Lettera sulla droga" non offre uno sguardo accusatore, ma quello lucido di un uomo vicino al dolore dei suoi simili e che difende "il diritto a non drogarsi" perché non c'è libertà nella dipendenza. Un libro che dice che cosa succede nella relazione tra un giovane e le droghe, e che da voce al dolore di chi è costretto a convivere con questa terribile realtà.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2009
16 gennaio 2009
206 p., Rilegato
9788817028264

Valutazioni e recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
(1)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
ROCCO SALADINO
Recensioni: 5/5

Leggendo questo libro si ha proprio l’impressione di ascoltare un amico. Vittorino Andreoli parla in questo scritto a una persona normale non ad un semplice etichettato “drogato”, come una condanna. Il discorso e’ rivolto a chiunque, quel chiunque e’ qualsiasi tossicomane, quel chiunque possa essere il lettore. Non parla da psichiatra, riduce al minimo le maschere, punta dritto agli occhi del cuore e della mente, ma non rifiuta di dare un aiutino da psichiatra, descrivendo la problematica in cui si e’cascati come la tossicomania, come una fobia-ossessione in termini psichiatrici come un fatale gioco di paure e metodi drogati per superarle come un circolo vizioso, il circolo vizioso della droga. (Potenza- febbraio 2009).

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

La recensione di IBS

Vittorino Andreoli riprende la formula della lettera pubblica (ricordiamo la serie di successi: Lettera a un adolescente, Lettera alla tua famiglia, Lettera a un insegnante) per affrontare un tema scottante e difficile, non più dibattuto come un tempo, a dispetto della sua gravità e diffusione: la droga e i danni che produce alla nostra esistenza. Le sostanze stupefacenti oggi vengono percepite come produttrici di stimoli di piacere, di successo, di migliori performance, e per questo c'è chi sceglie responsabilmente di utilizzarle. Andreoli, invece, difende sin dalle prime pagine il "diritto a non drogarsi" perché è convinto che sarebbe possibile soddisfare in altra maniera i bisogni umani, stando sempre dentro le relazioni e non mediandole attraverso una sostanza chimica, si chiami alcol o marijuana, cocaina o eroina, crack o ecstasy.
è possibile definire la droga, scrive l'autore, un'occasione di morte. Una morte eroica, come certi suicidi. Per evitare questa piaga sociale, Andreoli sostiene che l'uso delle droghe non possa essere considerato in alcun modo un affare privato, personale, come qualcosa che riguardi solo la privacy di chi la usa. Il consumo di droga non è da porre tra i comportamenti liberi. Primo perché già acquistarla significa compiere un reato, pagando uno spacciatore; secondo perché gli effetti delle sostanze psicotrope, modificando il rapporto di chi le assume con la realtà circostante, sono molto pericolosi anche per gli altri e per la società. è assurdo, secondo Andreoli, reclamare la libertà per poi diventare dipendenti di una sostanza, come lo è la richiesta di non sottostare alle leggi della società contro la droga. Il punto sul quale insiste lo psichiatra veronese è la perdita dell'identità, che viene mascherata, alterata dalle droghe e dalla loro capacità di realizzare una metamorfosi del sé e del mondo circostante. Anfetamine e cocaina, infatti, possono indurre un delirio che richiama quello della schizofrenia, modificando la biochimica cerebrale dapprima in maniera transitoria, per poi giungere a un funzionamento che ha bisogno della sostanza esterna. è necessario anche sconfiggere i miti del potere e dell'arricchimento facile, e della droga ad essi connessa, che renderebbe possibili sempre, e per tutti, performance di alto livello: Andreoli spinge il destinatario di questa Lettera ad accettare piuttosto la propria fragilità, intendendola come senso del limite e come risorsa per attivare la comprensione e l'amore per gli altri.
Un nuovo umanesimo della solidarietà, contro la "società drogata", è ciò che Andreoli auspica in queste pagine. Il desiderio, il legame, il doppio legame, la dipendenza: sono le tappe che riducono una vita a una polvere bianca, o a una siringa spuntata e contaminata. O anche, e non fa differenza, alla liturgia della canna o di un bicchiere sempre vuotato di alcol. Andreoli si ribella con tutta la sua esperienza a questa deriva dell'uomo contemporaneo e al suo Carissimo amico, vittima o indifferente di fronte a questa nuova schiavitù della droga, rivolge una lettera ricca di indignazione, passione e umanità.

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Vittorino Andreoli

1940, Verona

Psichiatra di fama mondiale, è stato direttore del Dipartimento di Psichiatria di Verona - Soave ed è membro della New York Academy of Sciences. È presidente del Section Committee on Psychopathology of Expression della World Psychiatric Association. Si oppone fermamente alla concezione lombrosiana del delitto secondo cui il crimine veniva commesso necessariamente da un malato di mente, e sostiene la compatibilità della normalità con gli omicidi più efferati.  È autore di libri che spaziano dalla medicina, alla letteratura alla poesia, e collabora con la rivista Mente e Cervello e con il giornale Avvenire. Ha realizzato alcune serie di programmi, con puntate della durata di circa 30 minuti, dedicati agli adolescenti (Adolescente TVB), alle...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore