Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Recensioni Carissimo amico. Lettera sulla droga

  • User Icon
    26/02/2009 21:58:01

    Leggendo questo libro si ha proprio l’impressione di ascoltare un amico. Vittorino Andreoli parla in questo scritto a una persona normale non ad un semplice etichettato “drogato”, come una condanna. Il discorso e’ rivolto a chiunque, quel chiunque e’ qualsiasi tossicomane, quel chiunque possa essere il lettore. Non parla da psichiatra, riduce al minimo le maschere, punta dritto agli occhi del cuore e della mente, ma non rifiuta di dare un aiutino da psichiatra, descrivendo la problematica in cui si e’cascati come la tossicomania, come una fobia-ossessione in termini psichiatrici come un fatale gioco di paure e metodi drogati per superarle come un circolo vizioso, il circolo vizioso della droga. (Potenza- febbraio 2009).

    Leggi di più Riduci