Carmen. Ediz. russa - Georges Bizet,Henry Meilhac,Prosper Mérimée - ebook

Carmen. Ediz. russa

Georges Bizet, Henry Meilhac, Prosper Mérimée

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: West Press
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 592 KB
  • EAN: 9788888278964

€ 1,99

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Carmen" è un'opera in quattro atti con musica di Georges Bizet, libretto di Henri Meilhac e di Ludovic Halévy, tratto da una novella di Prosper Mérimé. L'ebook comprende il riassunto dei quattro atti, i personaggi ed il testo completo dell'opera.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Georges Bizet Cover

    Compositore francese. Nato in una famiglia di musicisti, cominciò a studiare solfeggio all'età di quattro anni col padre Adolfo, professore di canto e modesto compositore. A nove anni fu allievo di A.F. Marmontel; nel 1848 entrò al conservatorio di Parigi, dove studiò composizione e fuga con P.J. Zimmermann. Questi veniva spesso sostituito da Gounod, il cui influsso è avvertibile nelle parti melodiche delle opere di B., non esclusa la Carmen. Dopo la morte di Zimmermann (1853), B. fu allievo di J. Halévy, del quale sposò poi la figlia. I suoi primi lavori gli valsero alcuni premi: l'«Offenbach» nel 1856, il «Prix de Rome» nel 1857. Dal 1857 al 1860 fu a Roma, dove scrisse l'opera buffa Don Procopio , di evidente ispirazione italiana. Il soggiorno italiano esercitò su B. una profonda influenza,... Approfondisci
  • Prosper Mérimée Cover

    Di famiglia culturalmente impegnata (il padre Léonor era un pittore allievo di David, e gli insegnò i rudimenti delle arti grafiche) si appassionò alla pittura fin da piccolo ma, per sua stessa ammissione, non fu mai un grande artista. Più successo ebbe nell'assorbire le passioni della madre, profonda amante della letteratura inglese e del gotico di Walter Scott. Portato per le lingue (a 16 anni parlava fluentemente inglese, spagnolo, greco, arabo e russo) gli fu consigliato di iscriversi alla facoltà di Diritto: ma invece di studiare legge, il giovane futuro letterato divorava Balzac e tutti i classici greci e latini. Il percorso era segnato: Mérimée decise di dedicarsi alla carriera letteraria. Amico personale di Stendhal e Turgenev, nei suoi... Approfondisci
Note legali