DISPONIBILITA' IMMEDIATA

Carnaval

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Robert Schumann
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Universal Classic
Data di pubblicazione: 19 ottobre 2012
  • EAN: 0028947650829
Disco 1
1
Abegg Variations, Op.1
2
Papillons, Op.2
3
Préambule
4
Pierrot
5
Arlequin
6
Valse noble
7
Eusebius
8
Florestan
9
Coquette
10
Réplique
11
Sphinxes
12
Papillons
13
A.S.C.H.-S.C.H.A. (Lettres dansantes)
14
Chiarina
15
Chopin
16
Estrella
17
Reconnaissance
18
Pantalon et Colombine
19
Valse allemande - Intermezzo: Paganini
20
Aveu
21
Promenade
22
Pause
23
Marche des "Davidsbündler" contre les Philistins
24
Allegro (Vivace assai)
25
Romanze (Piuttosto lento)
26
Scherzino
27
Intermezzo (Colla più grande energia)
28
Finale (Il più vivace possibile)
1
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
0
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Scriabin 79

    19/11/2012 22:12:45

    Quando si interpretano brani così famosi essere innovativi è quasi un obbligo. Ma l'originalità non deve sfociare in iconoclastia. Ed è quello che, purtroppo, accade a Baglini in questo disco. Nelle Abegg corre nervosamente su e giù per la tastiera. Il Carnaval, pur con alcune trovate potenzialmente interessanti, è pieno di forzature e il Carnevale di Vienna abbonda in eccessi di ogni tipo. L'attacco e tutto il primo movimento è dominto da un baccano infernale, mentre un finale così confusionario (staccato a velocità folle) fortunatamente non si era mai sentito. Si salva un po' Papillons, giocato su mezze tinte e con una sonorità nel compleso mai troppo dura. Ma è troppo poco per dare un giudizio positivo.

  • Robert Schumann Cover

    Compositore tedesco.Gli anni di formazione. Figlio di un editore umanista, August S., noto per aver pubblicato un'edizione tascabile dei classici di tutto il mondo, crebbe in un ambiente familiare estremamente favorevole allo sviluppo dei suoi vasti interessi letterari e musicali, in un'epoca e in un clima nazionale percorsi dai fermenti del più schietto romanticismo. A sei anni iniziò privatamente la sua istruzione con l'arcidiacono Döhner; fu l'organista di S. Maria, J.G. Kuntsch, ad avviarlo allo studio della musica. Tre anni dopo il padre lo portò a Karlsbad ad ascoltare Moscheles, uno dei più grandi pianisti del tempo: e il piccolo Robert volle diventare pianista; il che non gli impedì di seguire con grande entusiasmo anche la poesia, durante gli studi ginnasiali iniziati nella città... Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali